mercoledì 12 settembre 2012

C'era una volta in Giappone-1/Once upon a time in Japan-1


Correva l'anno 2009. In Giappone il grande terremoto e Fukushima non c'erano ancora stati. Avevo 21 anni e quell'estate io e la Pelosa Metà siamo andati per un mese a Kyoto a studiare la lingua, ospiti di due diverse famiglie giapponesi. Io ho alloggiato presso una singolare coppia di pensionati. Per raccontare in diretta della mia esperienza agli amici ho aperto il mio primo blog. Qui ripubblico quel mio diario di viaggio.

20/07/2009- Leghisti kawaii

Il viaggio è stato davvero lungo. Abbiamo cambiato arereo a Shangai e ci è toccato anche ritirare i bagagli e rifare il chech in. In più c' erano dei dottori pazzi con le mascherine che facevano controlli medici sui viaggiatori e che se avessero beccato il mio raffreddore da 10 ore di aria condizionata in aereo mi avrebbero messa in quarantena [era l'epoca della SARS].
Arrivati in aereoporto a Kyoto abbiamo dovuto fare una fila lunghissima per l'immigrazione. Sembrano dei leghisti, non ti fanno entrare nel Paese senza che tu abbia lasciato le impronte digitali e la foto, pero sulla foto mettono la cornicetta carina.
Per la fila all'immigrazione abbiamo perso l'autobus e aspettato un'ora e mezza quello dopo.
L'albergo dove passeremo il weekend è una pensioncina minuscola con stanze di un metro e uno sputo e pareti di carta velina. Non esattamente romantico -.-!
Abbiamo fatto un mini giretto dopo una sanissima doccia. La citta è un misto di edifici dall'aria vagamente tradizionale ed edifici nuovi.
A cena abbiamo preso al supermercato d'angolo degli onigiri: sono buonissimiiiiiiiiiiiiiiiii!!!

The year was 2009. In Japan, the great earthquake and Fukushima didn't happen yet. I was 21 and that summer I and the Hairy Half went for a month to Kyoto to study the language, guests of two different Japanese families. I stayed with a singular retired couple. To tell about my experience to friends in real time, I opened my first blog. Here I republish that diary.

20/07/2009- Kawaii xenophoby
The trip was really long. We changed flight in Shanghai and we also had to pick up your luggage and redo the chech in. In addition, there were crazy doctors with masks who were doing medical checks on travelers and if they caught my cold caused by 10 hours of air conditioning in the plane I would be quarantined [it was the SARS period].
Arrived at Kyoto airport we had to make a long queue at the immigration. They seem quite xenophobic, you cannot enter the country if they don't take your fingerprints and photos, but the photos have a cute frame.
For the queque we missed the bus and waited for the next an hour and a half.
The hotel where we will spend the weekend is a small guesthouse with rooms large hardly a meter and super thin walls. Not exactly romantic -.-!
We did a mini tour after a very healthy shower. The city is a mix of vaguely traditional and new buildings.
For dinner, we took onigiri at the corner's supermarket: they're super yummyyyyyyyy!!!

7 commenti:

Nyu Egawa ha detto...

Che bello.. sono contenta che ripubblichi la tua avventura.. io ovviamente me la sono persa del tutto! :p

Acalia Fenders ha detto...

Stavo aspettando questo racconto *__*
Noi a Tokyo abbiamo dormito in un Ryokan minuscolo, tutto legno e carta di riso anni 50 originale senza restauri, e l'abbiamo trovato molto carino. Peccato solo che sentissimo anche respirare i vicini di stanza (avevamo quella d'angolo per cui, per fortuna, sentivamo solo un gruppo di spagnoli) ^^

Il viaggio aereo che ho fatto io era della Finnair, con scalo ad Helsinki, ma i bagagli non ce li hanno fatti scaricare ^^

Elena ha detto...

Per fortuna che almeno ora non ci sono "pericolose epidemie mortali" in giro, non rischio la quarantena!
Ma siete volati direttamente a Kyoto, non a Osaka?

Simona [Ciccola] ha detto...

Avete dovuto rifare il chek in??? Ma come mai? A volte durante lo scalo si ha giusto il tempo di andare a prendere il volo successivo...

Ilia ha detto...

:3

Lalav ha detto...

Wow che avventura!!! Non sapevo fossi andato con la PM. Ma anche lui parla le 'lingue orientali'? (definizione onnicomprensiva visto che ancora non so bene quali parli tu?!)

Ma i controlli sono ancora cosi severi anche dopo la SARS?

Piperita Patty ha detto...

@Nyu: per forza te la sei persa, non l'ho mai pubblicata su Stylebunny ^^

@Acalia: ohh, ma che bello il Ryokan! Noi a Tokyo siamo stati in ostello.
Il Giappone non è un luogo molto "romantico" dove andare con il fidanzato, nel senso più brutale della cosa -.-

@Acalia, Elena, Ciccola: questa faccenda dello scalo con check in era dovuta al fatto che avevamo deciso di arrivare a Kyoto e ripartire da Tokyo! Così abbiamo comprato il volo Milano-Shangai come andata e ritorno e gli altri due voli a parte.

@Ilia: ^^ (XD)

@Lavinia: tutti e due abbiamo studiato giapponese (anzi, ci siamo incontrati al corso!), ma io per 4 anni e lui per uno e mezzo. Io parlo solo italiano, inglese e giapponese, purtroppo, più poche inutilissime parole sparse in una valanga di lingue XD
Suppongo che ormai i controlli siano molto inferiori, quello era proprio il momento di massima, però non posso garantire perchè non sono più tornata in quelle zone, purtroppo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...