venerdì 7 marzo 2014

Papers, please

File:Papers Please - Title Logo.png
"Papers, please" è un videogioco indie del 2013 realizzato da Lucas Pope. E' disponibile per Windows, OsX e Linux. Al centro del gioco sta la vita di un ufficiale che lavora all'immigrazione in un immaginario paese distopico che ricorda l'URSS, l'Arstotzka.
Il giocatore, in ogni giorno che passa durante il gioco, deve controllare i documenti di chi vuole entrare nel Paese con procedure sempre più complicate, per mantenere la propria famiglia.
Il lavoro implica scoprire incongruenze nei documenti che possono smascherare terroristi, contrabbandieri e criminali. Man mano che il gioco prosegue si acquisiscono varie possibilità, come quella di ispezionare o arrestare le persone, insieme a nuovi alleati e potenziali nemici.
E non sempre la scelta più etica è quella giusta.
Ci sono 20 possibili finali.
A mio parere la grafica è perfetta per l'ambientazione e il gioco è semplice da capire, ma non così immediato da scoraggiare i giocatori esperti.
Per quanto riguarda il coinvolgimento, secondo me giocarlo da soli potrebbe risultare noioso, ma con un gruppo di amici si crea un'alchimia per cui dà assuefazione.
Il prezzo è abbastanza modesto, si trova su Steam intorno agli 8€.
A me è piaciuto, lo consiglio!

File:Papers please gender discrepancy.jpg
" Papers, please" is a 2013 indie game developed by Lucas Pope. It's available for Windows, OSX and Linux. At the heart of the game is the life of an immigration official who works in an imaginary dystopian country that recalls CCCP, Arstotzka.
The player, in every day that passes during the game, has to check the documents of anyone who wants to enter the country with more and more complicated procedures, in order to support his family.
The work involves discovering inconsistencies in the documents that may expose terrorists, smugglers and criminals. As the game progresses you acquire various possibilities, such as inspect or arrest people, along with new allies and potential enemies.
The most ethical choice isn't always the right one.
There are 20 possible endings.
In my opinion the graphic is perfect for the setting and the game is simple to understand, but not so immediate as to discourage expert players.
As for the involvement, I think playing alone may be boring, but with a group of friends the game developes an alchemy that makes it addictive.
The price is quite modest, it is on Steam for around 8€.
I liked it, so I recommend it!

6 commenti:

Marco Grande Arbitro Giorgio ha detto...

Sembra lo stesso simulatore di Tabboz

Piperita Patty ha detto...

Dichiaro ignoranza in proposito.

Acalia Fenders ha detto...

Carino, vediamo se riesco a trovarlo :D

Piperita Patty ha detto...

@Acalia: non dovrebbe essere difficile da reperire

Muriomu ha detto...

Il mio ragazzo mesi fa era andato in fissa con questo gioco. Io l'ho trovato noiosissimo XD

Piperita Patty ha detto...

@Muriomu: ecco, appunto XD

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...