venerdì 2 dicembre 2016

Mercatini di Natale + Festa della scuola giapponese/Christmas markets + Japanese school open day

Sabato scorso sono andata con mia madre e la mia Pelosa Metà alla chiesa protestante di via Marco de Marchi 9, a Milano, che ospitava il primo mercatino di Natale finlandese e il diciottesimo tedesco della città.
Evidentemente l'evento aveva avuto una discreta pubblicità perché all'ingresso c'era una coda che non finiva più.

Last Saturday I went with my mother and my Hairy Half to the Protestant church in Marco De Marchi street 9, in Milan, which hosted the first Finnish and the eighteenth German Christmas market of the city.
Evidently, the event had a really good advertising because at the entrance there was a queque all around the building.

Noi abbiamo visitato prima le bancarelle di alimentari all'esterno. Ci siamo lasciati conquistare dal vin brulè venduto per 5€ in una tazza natalizia che una volta bevuto il vino si poteva tenere.
Il vino era molto buono, ma non artigianale. Era il Christkindl Glühwein che un paio di anni fa avevo trovato in vendita alla Lidl (trovate la mia recensione qui, se lo trovate ve lo consiglio). Data l'affluenza, alle 16:30 circa le tazze del 2016 erano già finite e la bancarella ha iniziato a vendere quelle del 2015.
Ho visto in vendita anche biscotti e dolci vari, bretzel e conserve. C'erano delle bancarelle che servivano wurstel e crauti.

To start we visited the food stalls outside. We were won over by the mulled wine sold for 5€ in a Christmas mug that once you drank the wine you could keep.
The wine was very good, but not homemade. It was the Christkindl Glühwein that I found on sale at Lidl a couple of years ago (you can find my review here, I recommend it if you find it). Given the turnout, at about 16:30 the 2016 cups of were already sold out and the stand started selling the 2015 ones.
I saw also stalls selling cookies and various pastries, pretzels and preserves. There were stalls that served hot dogs and sauerkraut.

Mia madre ha comprato 3 biglietti della lotteria (per un totale di 3€), ma non ha vinto niente. Però come consolazione ci hanno regalato una confezione gigante di Mentos alla fragola.

My mother bought three lottery tickets (for a total of 3€), but did not win anything. But as a consolation they gave us a giant pack of strawberry Mentos.

Per entrare in chiesa, dove c'erano altre bancarelle, c'era una coda lunghissima e molto lenta all'ingresso anteriore. Per fortuna si poteva entrare anche dalla parte delle bancarelle alimentari.
La chiesa era molto sobria, ma carina. Le bancarelle erano poche e non particolarmente ricche, come è anche sensato per un mercatino parrocchiale. Non ho nemmeno visto prodotti tipici veramente difficili da trovare in Italia (anche se ovviamente con la folla potrei essermi persa qualcosa).
In definitiva direi che era un normale mercatino parrocchiale, anche piuttosto carino, ma che aveva ricevuto troppa pubblicità o aveva fatto una comunicazione sbagliata perché era arrivata troppa gente rispetto agli spazi, che fra l'altro si aspettava un mercatino decisamente più grande e fornito.

To enter the church, where there were other stalls, there was a very long and very slow queque at the front entrance. Fortunately, you could also enter from the side of the food stalls.
The church was very simple, but nice. The stalls were few and not particularly rich, as is understable for a Parish market. I didn't see local products difficult to find in Italy (though obviously with the crowd I might have missed something).
In conclusion I would say that it was a normal parish market, quite nice, but that received too much advertising or did a wrong communication because there were too many people for the spaces, people who among other things expected a much larger and better supplied market.

La domenica sono andata con la mia amica Siobahn all'open day della scuola giapponese di Milano. C'era tantissima gente come al solito, ma almeno quest'anno non ha piovuto.
Siamo arrivate presto per cui siamo riuscite a prendere quattro takoyaki (5€) e un piatto di udon in brodo (6€) senza fare file davvero apocalittiche.

On Sunday I went with my friend Siobahn to the open day of the Japanese school of Milan. There was a lot of people as usual, but at least this year it did not rain.
We got there early so we were able to take four takoyaki (5€) and a bowl of udon (6€) without apocalyptic queques.

Dopo mangiato siamo andate a fare un giro nei vari laboratori e al mercatino dell'handmade e dell'usato. C'erano cose carinissime a prezzi più che accettabili, ma ho finito per svenarmi con dei gioielli fatti a mano davvero adorabili (anche i pacchetti sono stupendi, un'idea da copiare!). Due sono dei regali di Natale e uno è per me... ma lo aprirò a Natale perché ho speso più di quanto avrei dovuto e quindi ho deciso che è il mio regalo per me.

After lunch we went for a tour of the various workshops and of the handmade and flea markets. There were a lot of cute things than acceptable price, but I ended up paying a lot for some really adorable handmade jewelry (even the packets are wonderful, an idea to copy!). Two are Christmas presents and one is for me... but I will open it on Christmas because I spent more than I should have and so I decided it's my gift to me.

Dinosaurs and sushi

Orecchini/Earrings: comprati in Giappone/Bought in Japan
Maglione/Sweater: swappato/swapped
Gonna/Skirtmercato di via Valvassori Peroni, Milano/Valvassori Peroni street open air market, Milan (4€)
Calzamaglie/Tights: mercato di via Papiniano, Milano/Papiniano street  open air market, Milan (1,70€)
Scarpe/Shoes: Primark (10£)

giovedì 1 dicembre 2016

Calendimangio 2017

Questa domenica 4 Dicembre, al Bar Lucio in via Boncompagni 36 a Milano si terrà la presentazione del Calendimangio 2017, il calendario creato da Cargo, il collettivo di fumettisti di cui faccio parte.
L'evento comincerà alle 13 con il pranzo e proseguirà lungo il pomeriggio (in caso arriviate tardi vi consiglio la deliziosa cioccolata calda preparata da Lucio). Saranno in mostra le 12 tavole che illustrano il calendario 2017. Quest'anno le singole illustrazioni andranno a formare una storia ambientata a Mistretta, città natia del proprietario, con tanto di vegetali alieni mutanti assassini!
In più in ogni mese c'è una ricetta di uno dei buonissimi piatti della cucina siciliana del locale (scrutta in dialetto, con traduzione a fronte), quindi oltre che un calendario è un ricettario.
Io ho realizzato il mese di giugno, che potete vedere in anteprima qui sopra.
Siete tutti invitati!


Calendario dell'avvento a casette con tè e tisane/Paper houses advent calendar with tea bags

Visto che mia suocera è una fan di tè e tisane, io e la Pelosa Metà abbiamo deciso di farle un calendario dell'avvento con una bustina per ogni giorno.

Because my mother-in-law is a fan of teas and herbal teas, my Hairy Half and I decided to make her an advent calendar with one tea bag a day.

Abbiamo realizzato i 24 contenitori delle bustine in maniera semplicissima, con strisce di carta regalo di recupero, lunghe poco meno di tre volte una bustina. Le abbiamo piegate prima una volta nel mezzo (con il lato bello verso l'esterno), fissando i due lati all'interno con dello scotch, poi sul retro abbiamo piegato le due punte superiori verso l'interno, fissandole con un pezzo di scotch, in modo che formassero una punta sul lato superiore. E così abbiamo ottenuto delle casette, su cui poi abbiamo scritto i numeri. Ne abbiamo decorate alcune con degli adesivi.

We made the 24 packets in a very simple way, with recovery gift paper strips, long little less than three times a teabag. We folded each one in the middle (with the good side out), fixing the two sides with adhesive tape on the inside, then we folded the two upper points toghether on the back, fixing them with a piece of tape, so to have a point on the upper side. So we got paper houses, on which we wrote the numbers. We decorated some with stickers too.

Dopodiché le ho cucite ad un nastro con del semplice filo doppio, alternando casette grandi e piccole e cucendole ad altezze diverse. L'idea è che poi il calendario venga appeso tramite il nastro.
Noi abbiamo scelto le bustine di tè, ma ovviamente nei pacchettini si può mettere di tutto, purché sia leggero per non rompere il filo o sbilanciare il nastro.
Sicuramente l'idea del tè è perfetta per le persone a dieta!

Then I sewed them to a ribbon with simple double thread, alternating large and small houses and sewing them at different heights. The idea is to hung the calendar by the tape.
We chose tea bags, but of course you can choose the presents you prefer, as long as they are lightweight as not to break the thread or unbalance the tape.
Surely the idea of ​​tea is perfect for people on a diet!

Comfy Mage

Molletta per capelli/Hairclip: fiera dell'artigianato di Milano/artisan fair of Milan (3€)
Orecchini/Earrings: Tally Weijl (3X2€ on sale)
Giratempo/Timeturner: Alchemian (10€)
Maglione/Sweatermercato di via Papiniano, Milano/Papiniano street  open air market, Milan (8€)
Vestito/Dress: usato/used
Calzamaglie/Tights: mercato di via Papiniano, Milano/Papiniano street  open air market, Milan (1,70€)
Stivali/Boots: Pimkie (7€ on sale)

mercoledì 30 novembre 2016

Stranger Things

Stranger Things logo.png
"Stranger Things" è una serie televisiva statunitense ideata dai fratelli Matt e Ross Duffer e trasmessa da Netflix nel 2016.
Per ora la serie è composta da una sola stagione da 8 episodi, di durata compresa fra i 47 e i 51 minuti. Nel 2017 dovrebbe uscire una seconda serie.
Questa è la trama: nel 1983 in un laboratorio segreto vicino ad Hawkins, una cittadina dell'Indiana, un'orribile creatura aggredisce uno scienziato. Approfittando dell'incidente, una ragazzina con i capelli rasati scappa dalla struttura.
La stessa sera, il dodicenne Will Byers, scompare misteriosamente. La sua famiglia, i suoi amici e lo sceriffo della città iniziano a cercarlo, ma nel farlo incappano in una serie di indizi su qualcosa di spaventoso...
L'ambientazione e le atmosfere sono un chiaro omaggio al cinema di fantascienza degli anni ottanta (E.T. e i suoi parenti). Come in questi illustri predecessori, i veri protagonisti della serie sono i bambini e gli adolescenti. Gli unici adulti ad avere un ruolo rilevante sono la madre di Will e lo sceriffo. Il genere è un mix di fantascienza e thriller con momenti horror, giocati però più sulla suspense e sulla paura  che sullo splatter, tanto che perfino io, che odio gli horror, sono riuscita a guardarlo (ci sono però un paio di momenti abbastanza disgustosi). Gli effetti speciali, fatti con un mix di animatronica e CGI, secondo me sono molto belli.
I personaggi, anche quelli minori, sono interessanti e molto ben caratterizzati, a partire dal loro aspetto non convenzionale per un telefilm (ci sono vari personaggi bruttarelli, non sono tutti magri, la bambina ha la testa rasata...). Proprio quando sembrano aderire ad uno stereotipo, riescono a stupire comportandosi in maniera imprevedibile, eppure coerente con la loro personalità. Ho trovato questa caratterizzazione uno degli aspetti migliori del telefilm.
L'altro è senz'altro la trama, che riesce a tenere lo spettatore incollato allo schermo senza perdere un colpo a livello di rigore logico.
Le puntate non sono autoconclusive, anzi, finiscono tutte con un colpo di scena... compreso il finale, anche se di fatto la storia trova una conclusione. E' una sorta di film unico, lungo poco meno di otto ore.
"Stranger Things" è già diventata un successo mediatico, con tanto di meme e cosplayer. Anch'io ne sono rimasta entusiasta e non vedo l'ora che esca la seconda serie.

"Stranger Things" is a U.S.A. television series created by the brothers Matt and Ross Duffer and transmitted by Netflix in 2016.
At the moment the series is composed of a single season of 8 episodes, with a lenght between 47 and 51 minutes. In 2017 will be released a second series.
This is the plot: in 1983 in a secret laboratory near Hawkins, a small town in Indiana, an horrible creature attacks a scientist. Taking advantage of the incident, a young shaved girl escapes from the structure.
The same evening, the twelve year old Will Byers mysteriously disappears. His family, his friends and the sheriff of the city begin to look for him, but in doing so they run into a series of clues about something scary...
The setting and atmosphere are a clear homage to the science fiction films of the eighties (E. T. and its relatives). As in these famous predecessors, the real stars of the series are the children and the adolescents. The only adults to play an important role are Will's mother and the sheriff. The genre is a mix of science fiction and thriller with horror moments, however, played more on suspense and fear that on splatter side, so that even I, who hate horrors, was able to watch it (though there are a couple of pretty disgusting moments). The special effects, made with a mix of animatronics and CGI, in my opinion are really good.
The characters, even minor ones, are interesting and very well characterized, starting from their appearance, that is quite unconventional for a tv series (there are various quite ugly characters, not everyone is skinny, the little girl has a shaved head...). Just when they seem to fall into a stereotype, they manage to shock behaving unpredictably, yet consistent with their personality. I found this characterization one of the best aspects of the show.
The other is undoubtedly the plot, which manages to keep the viewer glued to the screen without messing up with logic.
The episodes are not self contained, indeed, they all end with a twist... including the final one, although in fact the story comes to a conclusion. It's kind of an eight hours film.
"Stranger Things" already become a mediatic success, with lots of memes and cosplayers. I really loved it too and I can not wait for the second season.

Green and plaid

Giratempo/Timeturner: Alchemian (10€)
Cardigan:  usato (mamma)/used (mum)
Camicia/Blousemercato di via Eustachi, Milano/Eustachi open air market, Milan (5€)
Pantaloni/Trousersusati, mercato di via Valvassori Peroni, Milano/used, Valvassori Peroni Street open air market, Milan (3€)
Anfibi/Combat boots: mercato di via Papiniano, Milano/Papiniano street  open air market, Milan (30€)

martedì 29 novembre 2016

Gnocchi radicchio e taleggio/Radicchio and taleggio gnocchi

Negli ultimi tempi ho fatto qualche esperimento in cucina. Questo è uno dei piatti che mi sono venuti meglio, non certo leggero, ma, con il freddo degli ultimi tempi io l'ho trovato decisamente confortante.

Ingredienti (per 2 porzioni abbondanti o 4 scarse):
500g di gnocchi di patate
4-5 foglie di radicchio
100-150g di taleggio
100ml panna da cucina
sale q.b.
pepe nero q.b.

Lavare il radicchio e tagliarlo a listarelle. Farlo cuocere in pentola con il coperchio a fuoco basso finché non sarà appassito (se avete una pentola molto antiaderente potete evitare del tutto l'olio, se no conviene metterne un filo perché non si attacchi). Salate, pepate e mettetelo da parte.
Intanto mettere su l'acqua per gli gnocchi.
Quando l'acqua bolle, mettete il taleggio a fette nella stessa pentola dove avete cotto il radicchio a fiamma bassa. Buttate gli gnocchi. Quando il taleggio sarà sciolto aggiungete metà della panna e mescolate per creare una crema (che si colorerà leggermente di rosa grazie al liquido del radicchio). Aggiungete il radicchio, l'altra metà della panna e mescolate. Intanto i vostri gnocchi saranno cotti. Scolateli nella pentola della salsa con una ramina. Per rendere la salsa più fluida potete aggiungere uno o due cucchiai di acqua di cottura degli gnocchi.
Mescolate bene, servite e guarnite con del pepe nero appena macinato.

Lately, I've done some experimenting in the kitchen. This is one of the dishes that I liked the most. It isn't light at all, but with the cold weather of the last weeks I found it very comforting.

Ingredients (for 2 abundant or 4 scarce portions):
500g potato gnocchi
4-5 leaves of radicchio
100-150g taleggio
100ml cream
Salt to taste.
black pepper to taste

Wash the radicchio and cut it into strips. Sautè it in a pan with a lid on low heat until (if you have a very nonstick pan you can completely avoid the oil). Add salt and pepper and set aside.
Meanwhile, put to boil a pot of water for the gnocchi.
When the water boils, put the sliced taleggio in the same pan where you cooked the radicchio on a low heat. Cook the gnocchi. When the cheese has melted, add half of the cream and stir to create a cream (which will become slightly pink due to the radicchio liquid). Add the radicchio, the other half of the cream and mix. Meanwhile, your gnocchi will be cooked. Put them in the pan with the sauce with a perforated spoon. To make the sauce smoother you can add one or two tablespoons of the cooking water of the gnocchi.
Mix, serve and garnish with freshly ground black pepper.

Blue, plaid and hot air baloon

Spilla/Pinfatta io/selfmade
Cardigan: swappato/swapped
Pantaloni/TrousersControcorrente (10€)
Anfibi/Combat boots: mercato di via Papiniano, Milano/Papiniano street  open air market, Milan (30€)

lunedì 28 novembre 2016

Morire per vivere/Old Man's War (John Scalzi)

"Morire per vivere" (in originale "Old Man's War", una delle poche volte in cui il titolo italiano è più figo) è il romanzo di debutto dello scrittore statunitense John Scalzi, pubblicato nel 2005.
Ha vari seguiti, "Le brigate fantasma" (The Ghost Brigades) del 2006, "L'ultima colonia" (The Last Colony) del 2007 e "Zoe's Tale" del 2008. La serie comprende anche "The Human Division", pubblicato a puntate e raccolto in un romanzo nel 2013, e "The End of All Things", un libro composto da quattro racconti brevi, pubblicato nel 2015.
I primi tre libri sono stati pubblicati in italiano dalla Gargoyle.
Il protagonista è John Perry, un anziano statunitense. A 75 anni tutti i terrestri del primo mondo possono scegliere di arruolarsi nell'esercito dell'Unione Coloniale, un'organizzazione che controlla la colonizzazione umana dello spazio. Perry, come gli altri terrestri, sa molto poco della CU, ma decide di arruolarsi lo stesso perché corre voce che ai nuovi soldati venga in qualche modo restituita la giovinezza.
L'universo di "Morire per vivere" è estremamente tecnologico e popolato da molte razze senzienti.
La narrazione è in prima persona e il punto di vista di Perry è decisamente simpatico ed ironico e aiuta a digerire anche lunghi spiegoni non proprio immersivi. In più scoprire il mondo della colonizzazione umana insieme al protagonista permette una serie di sorprese e colpi di scena.
L'ho divorato e una volta finito ho deciso che ne volevo ancora e ho iniziato il secondo romanzo.
Se siete dei fan delle space opera, dell'hard science fiction e/o della fantascienza militare, dovete assolutamente recuperarlo.

"Old Man's War" is the debut novel by the U.S.A. writer John Scalzi, published in 2005.
It has several sequels, "The Ghost Brigades", published in 2006, "The Last Colony", published in 2007, and "Zoe's Tale", published in 2008. The series also includes "The Human Division," published as episodes and collected into a novel in 2013, and "the End of All Things," a book made up of four short stories, published in 2015.
The protagonist is John Perry, a senior US citizen. At 75 years of age, all the people of the first world can choose to enlist in the army of the Colonial Defense Forces, an organization that leads human colonization of space. Perry, like all the other common people on Heart, knows very little of the CDF, but decides to enlist antway because there are rumors that the new soldiers somehow regain their youth.
"Old Man's War"'s universe is extremely technological and populated by many sentient races.
The narration is in first person and the Perry point of view is very nice and ironic and helps to digest even long and not really immersive explanations. Moreover, to discover the world of human colonization with the protagonist allows a series of surprises and twists.
I devoured it and once finished I decided that I wanted more and started the second novel.
If you're a fan of space opera, hard science fiction and/or military science fiction, you should definitely read it.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...