lunedì 1 luglio 2013

La luce della Terra




Ho deciso di cominciare Luglio alla grande pubblicando il fumetto realizzato come lavoro finale dell'anno per la scuola d'arte del Castello. Il tema era per tutti gli studenti "la paura", ed è nato come una sorta di sfida, in quanto è davvero difficile fare paura tramite un fumetto.
Le tavole sono state colorate a china. La sceneggiatura è stata scritta da me. Per leggere la storia ben impaginata, però, vi conviene cliccare sul secondo link e andare a fine volume.
Mi farebbe piacere avere una vostra opinione sia sulla storia sia sui disegni.
Se vi interessa potete leggere tutto il collettivo, che è stato intitolato Raccapricci (sigh), e quindi tutte le storie degli studenti del corso di fumetto, ai seguenti link:

http://issuu.com/cargo-viaggigrafici/docs/raccapricci-01
http://issuu.com/cargo-viaggigrafici/docs/raccapricci-02

I decided to start July at the best publishing the comic I realized as this year's final work of my comic school. The theme was "fear" for everyone and was chosen as a sort of challenge, as it's really difficult to feel fear reading a comic.
I wrote also the story. I'm sorry it's in italian ^^' To sum up: near future. The people of a space station can't communicate with Earth anymore, but the instruments seem to work. Did it happen something terrible out there? The food and spare pieces supplies don't arrive, so the people start to starve. One of the astronauts, Ivan, is chosen to elaborate a rationing plan. A first men dies in space for a brocken cable, a second commits suicide. The other three decide to eat his flesh to last longer. But when even that meats finishes...the other two kill Ivan to eat him!!
All of this is narrated in the diary of the last man on the spaceship, in the first page.

While he's writing his diary, in the dormitory arrives Irina, the last woman. When she says that there isn't anymore of Ivan's meat, he understands that she's gone mad because of the hunger and wants to kill him to eat him. So he struggles to reach a spanner under his bed before Irina stabs him and starts to chase her in turn, mad because of fear and rage. She, escaping, shouts "don't do it, I loved you!" and disappears in a door. Than an alarm starts to ring and a mechanical voices signals the opening of a hatch. He, scared, runs toward the obsrevatory windowpane only to see Irina, lost in space without a spacesuit, dead.
I'd like to hear your opinion on the story and drawings.
If you're interested, you can look at the comics of the other students at these links:

http://issuu.com/cargo-viaggigrafici/docs/raccapricci-01
http://issuu.com/cargo-viaggigrafici/docs/raccapricci-02

13 commenti:

automaticjoy ha detto...

Complimenti, di sicuro hai avuto successo nel trasmettere un bel po' di tensione!
I disegni si adattano bene alla storia, sia i personaggi scheletrici e abbrutiti, sia gli spazi (soprattutto durante l'inseguimento) e il senso di vuoto e angoscia che trasmettono.
L'unico appunto che farei è sulla prima tavola: forse risulta poco scorrevole leggere così tanto testo, magari lo stesso contenuto più concentrato e scritto su immagini riassuntive degli eventi precedenti sarebbe stato più di impatto.
Nel complesso è veramente interessante, brava brava!

Nyu Sumeragi ha detto...

Mamma mia, davvero raccapricciante! @_@

Anonimo ha detto...

O___O arg.
Però è bello.
:) complimenti!

Zu

Piperita Patty ha detto...

@Elena: ti ringrazio per i complimenti e i consigli!!
Purtroppo la prima tavola scritta faceva parte della consegna, anche se forse avrei potuto tagliare un po'.
Grazie mille ancora!! :D

@Nyu: è un complimento o una critica? XD

@Zu: grazie ^W^

Acalia Fenders ha detto...

A me la prima pagina è piaciuta parecchio, mette molto il lettore nel mood giusto della storia.

Forse avrei solo fatto la navetta un po' più claustrofobica ^^

Piperita Patty ha detto...

@Acalia: sono contenta!! In teoria sarebbe stato più giusto farla claustrofobica perchè le attuali stazioni spaziali sono minuscole e la storia è ambientata solo qualche decennio più in là, però ho preferito farla più grande perché ho pensato che si dovesse sentire che la navetta non era fatta per due, ma per varie altre persone poi morte.

Clyo Parecchini ha detto...

Eccolo finalmente!
A me piace come hai reso la dinamicità dei capelli e lo stile con cui li hai disegnati, però differenzierei di più i personaggi che si confondono un po' nell'inseguimento.
Ho guardato anche qualche sotria dei tuoi compagni, domani continuo la lettura, ma sono venuti fuori due bei libricini... raccapriccianti!

Piperita Patty ha detto...

@Clyo: hai ragione, quella dei due personaggi troppo simili mi era già stata fatta notare. Grazie :D

ThePauperFashionist ha detto...

Bello!!! L'unico appunto che potrei fare è lo stesso di Clyio ma per il resto mi piace molto, anche le scritte iniziali che fanno già venire angoscia :)

Piperita Patty ha detto...

@Pauper: grazie mille!!! :D

Maria ha detto...

E' molto bello questo fumetto, mi piace come disegni, hai un tratto pulito e immediato, e poi sei bravissima a inchiostrare! Io ci ho provato qualche volta ma è sempre venuto un mezzo pastrocchio XD

Ciccola ha detto...

Ma sei bravissima!!! Non avevo dubbi sulle tue capacità, ma devo ammettere che non ti credevo così abile. Sembra il lavoro di un professionista, complimenti! Continua così.

Piperita Patty ha detto...

@Maria: grazie mille! Non arrenderti, si migliora solo con l'allenamento! Io voglio sperimentare nuove tecniche ^^

@Ciccola: grazie milleeee Q_Q Sono commossa! Mi impegnerò per migliorare sempre di più.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...