martedì 21 giugno 2016

Gelati day 1: Cogoleto

Scusate per la mia assenza di questi giorni, sono stata impegnatissima.
Venerdì sarei dovuta partire con i miei amici/colleghi del collettivo Cargo in vista del Gelati Fanzine Festival. Ma per colmo di sfortuna la macchina dell'amico che doveva accompagnarci è finita dal meccanico appena prima. Siamo riusciti a rimediarne un'altra che però aveva ancora le gomme invernali. Le abbiamo portate a cambiare e il meccanico non le trovava più. Alla fine siamo riusciti a partire e siamo arrivati un po' in ritardo, ma senza problemi all'appartamento in Liguria che ci avrebbe ospitato per le successive due notti.

Sorry for my absence of these days, I was very busy.
On Friday I was supposed to leave with my friends/colleagues of the collective Cargo for the Gelati Fanzine Festival. But we were really unlucky and the car of the friend who was supposed bring us ended up to a mechanic just before the departure. We managed to get another car but it still had winter tires. We took the car to the mechanic to change them and he couldn't find the summer tires. In the end we were able to leave and we arrived a bit late, but without problems, to the apartment in Liguria that would house us for the next two nights.

La nostra idea era di approfittarne per fare subito il bagno in mare, ma siamo andati in spiaggia e, oltre a delle nuvole poco rassicuranti, c'erano dei cavalloni talmente alti che abbiamo visto dei ragazzi che facevano surf.
Alla fine ci siamo limitati a pucciare i piedi.

Our idea was to take the opportunity to do a bath in the sea right away, but we went to the beach and, in addition to the dark clouds, there were waves so high that we saw boys surfing.
In the end we only put our feet in.

Poi abbiamo fatto una passeggiata fino alla vicina Cogoleto, che ha un centro storico molto carino con le tipiche case liguri dipinte (nella foto sopra metà delle finestre della casa rosa sono finte). Essendo tardi, i negozi erano già tutti chiusi.

Then we walked to the nearby Cogoleto, which has a very nice old town with the typical painted Ligurian houses (half the windows of the pink house in the picture above are fake). Being late, the shops were already closed.

Tornando verso l'appartamento, abbiamo incontrato un mercato di quelli da festa di paese e ci siamo fatti un giro.
Una volta a casa ho cucinato, ma ero talmente stanca che per quattro persone ho buttato un chilo di pasta invece di mezzo. Per fortuna dopo cena, nonostante l'ipotesi di un gelato, siamo andati a letto.

Returning to the apartment, we met a festival-like market and we wandered a little through it.
Once at home I mad dinne, but I was so tired that, for four people, I made a kilo of pasta instead of a half. After dinner, despite talking about an ice cream, we went to bed.

6 commenti:

Serena S. Madhouse ha detto...

Nonostante gli imprevisti della pre-partenza (chissà perché questi guai capitano sempre quando devi partire!) mi sembra che sia stato tutto perfetto, be'..il tempo invita poco ai tuffi in mare, qui ieri sera era proprio freddo e il vento non manca, però il mare è bello anche così... Mi piacciono tanto i trompe-l'oeil delle case liguri...

Ciccola ha detto...

Gli imprevisti spuntano sempre fuori all'ultimo momento, mannaggia! Però avete risolto, il dramma è quando bisogna rinunciare a partire :/

Rhiannon ha detto...

I laughed at the kilo of pasta thing, that's exactly the sort of thing I'd do... >_> That first picture of the beach looks really cool, even if you didn't get to swim!

Piperita Patty ha detto...

@Sere: sì, per fortuna alla fine è andato tutto bene. Anch'io penso che il mare sia bello sempre :D

@Ciccola: per fortuna il problema non si è posto per davvero, piuttosto saremmo andati in treno.

@Rhiannon: thank you :D

Nyu Egawa ha detto...

Peccato per gli imprevisti! ;p
..vi avrei aiutati volentieri a finire il kg di pasta.. xD

Piperita Patty ha detto...

@Nyu: grazie XD

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...