martedì 6 settembre 2016

Recup: recupero alimentare nei mercati di Milano/Recup: again food waste in Milan's street markets

Grazie a Clyo che mi ha linkato questa intervista, sono venuta a sapere di una bella iniziativa nata proprio qui, a Milano, nel mio mercato preferito, quello di via Papiniano.
Si tratta di Recup, un progetto fondato  dalla venticinquenne Rebecca Zaccarini e attualmente gestito con l'aiuto di altre tre ragazze e da tanti volontari. Vuole far fronte al problema dello spreco alimentare nei mercati rionali, recuperando il cibo invenduto o danneggiato.
Nei mercati ortofrutticoli, la legge di smaltimento rifiuti obbliga i commercianti a buttare via il cibo in eccesso, danneggiato o invenduto, alla fine dell’orario di vendita. Spesso però si tratta di cibo ancora commestibile. Numerose associazioni, grazie alla legge 155/2003, recuperavano già il cibo invenduto dai supermercati o da altri esercizi e Recup si propone di farlo anche nei mercati.
Ma non solo: questo progetto vuole anche restituire dignità a coloro che prima erano costretti a cercarlo fra l'immondizia e a ritrasformare il mercato rionale in un luogo di incontro.
Infatti il recupero del cibo, il suo smistamento e la ridistribuzione sono fatti dalle stesse persone che ne beneficeranno, per creare un momento di collaborazione, condivisione, solidarietà tra persone di diverse etnie ed età.
Recup non copre solo il mercato di Papiniano, ma anche panettieri e bar della zona.
Sono entusiasta di questa bella iniziativa perché molte volte a fine mercato avevo visto con il cuore stretto persone anziane frugare nella spazzatura senza sapere cosa fare. Spero che il progetto si allarghi presto ad altri mercati e altre città!
Per maggiori informazioni vi rimando al sito ufficiale e alla pagina facebook:

Thanks to Clyo who linked me this interview, I learned a of a great initiative born right here, in Milan, in my favorite market, the one held in Papiniano street.
It is Recup, a project founded by the twenty-five years old Rebecca Zaccarini and currently run with the help of three other girls and of many volunteers. It wants to hack the problem of food waste in local markets, recovering unsold or damaged food.
In the fruit and vegetable markets, the waste disposal law force traders to throw the damaged or unsold food away at the end of the selling hours. But often it is still edible food. Numerous associations, thanks to the 155/2003 law, already recover unsold food from supermarkets or other exercises and Recup wants to do the same in the markets.
But not only: this project also wants to restore the dignity of the people who were previously forced to search for it among the garbage and to turn local markets back to being meeting places.
In fact, the food recovery and its sorting and redistribution is made by the same people who will benefit of it, to create a moment of collaboration, sharing and solidarity between people of different ethnicities and ages.
Recup doesn't only cover Papiniano street market, but also the bakers and bars in the area.
I'm excited about this wonderful initiative because many times at the end of the market I saw old people rummaging in the trash. It broke my heart, but I didn't know what to do. I hope that the project will soon spread to other markets and cities!
For more information please refer to the official website and facebook page:

3 commenti:

Nyu Egawa ha detto...

Una iniziativa davvero stupenda!

Rhiannon ha detto...

This is wonderful :) Only one or two chains of cafes do it here, which is a shame for such a big city with so many homeless :/

Piperita Patty ha detto...

@Nyu: davvero! Ce ne fossero di più!

@Rhiannon: I agree! I hope the idea will spread!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...