lunedì 28 marzo 2016

Nessun dove/Neverwhere (Neil Gaiman)

Qualche tempo fa la blogger Amy Townsend ha pubblicato una lista di romanzi urban fantasy ambientati a Londra che le sono piaciuti. Visto che amo l'urban fantasy e che sto per tornare a Londra, mi sono segnata i titoli più interessanti e mi sono gettata a capofitto nella lettura.
Il primo libro che ho scelto è stato "Nessun Dove" (Neverwhere), scritto nel 1996 da Neil Gaiman. Si tratta dell'adattamento dell'omonima serie televisiva sceneggiata dall'autore insieme a Lenny Henry. Il romanzo ha avuto due edizioni riviste. Inoltre nel 2005 ha subito un adattamento a fumetti, nel 2010  un adattamento teatrale e nel 2013 uno radiofonico.
Gaiman non esclude la possibilità di scrivere un seguito e anzi ha già scritto un racconto breve ambientato nello stesso universo e intitolato "How The Marquis Got His Coat Back".
Il protagonista della storia è Richard Mayhew, un ragazzo scozzese che va a lavorare a Londra. La sua vita sembra procedere per il meglio finché non trova per strada una ragazza ferita e decide di aiutarla. Perché Porta, la ragazza, non solo è inseguita da killer spietati, ma viene da "Londra Sotto", una città sotto la città, popolata da senzatetto e personaggi bizzarri, in cui vige la legge del più forte ed esiste la magia.
"Nessun Dove" è il secondo romanzo di Gaiman e il primo che ha scritto da solo. Se si sono letti suoi romanzi successivi, un po' si sente perché la sua scrittura e la sua capacità di comporre intrecci sono notevolmente migliorate con gli anni. Se non si sono letti suoi romanzi posteriori, ci si ritrova davanti ad un'opera veramente ben scritta e pervasa di senso dell'umorismo, con una trama e dei personaggi che, per quanto classici, riescono a stupire, immersi in un'ambientazione geniale ed inaspettatamente venata di violenza. Non si tratta di un libro dell'orrore (come invece la quarta di copertina di una vecchia edizione mi aveva fatto credere), ma ci sono comunque delle scene piuttosto forti, per cui secondo me è più adatto a degli adolescenti che a dei bambini ed è senz'altro adatto anche ad un pubblico adulto (che anzi, potrebbe immedesimarsi più facilmente con il protagonista, visto che per una volta si tratta di un adulto).
Per apprezzare il libro al meglio conviene conoscere un po' Londra (almeno la mappa della metropolitana), ma non è strettamente necessario.
Consiglio senz'altro "Nessun Dove", soprattutto agli amanti del fantasy, dell'urban fantasy, di Londra e di Gaiman. 

N.B. Mi piace da matti come si veste Porta, con strati di velluti, pizzi e taffetà stracciati e rappezzati sotto ad una giacca di pelle marrone.

Some time ago the blogger Amy Townsend published a list of urban fantasy novels set in London she liked. As I love urban fantasy, and I am about to go back to London, I wrote down the most interesting titles and I threw myself headlong into reading.
The first book I chose was "Neverwhere", written in 1996 by Neil Gaiman. It is the adaptation of the homonymous TV series written by the author and by Lenny Henry. The novel had two revised editions. In 2005 it was adapted into a comic, in 2010 into a play and in 2013 it had a radio dramatization.
Gaiman doesn't exclude the possibility to write a sequel, and indeed already wrote a short story set in the same universe, "How The Marquis Got His Coat Back".
The protagonist of the story is Richard Mayhew, a Scot guy who goes to London to work. His life seems to be going well until he finds an injured girl on the street and decides to help her. Because Door, the girl, not only is pursued by ruthless killers, but comes from "London Below", a city under the city, populated by homeless people and strange characters, in which applies the law of the jungle and magic exists.
"Neverwhere" is the second novel by Gaiman and the first he wrote alone. If you read his later novels, you can feel it a bit as his writing and his ability to create plots considerably improved over the years. If you haven't read his later novels, you will find it a really well written and witty work, with a plot and characters that, despite being classical, manage to surprise, immersed in a brilliant setting, unexpectedly tinged with violence. It isn't a horror book (as the back cover of an old edition made me believe), but there are still some rather strong scenes, so I think it may be more suited for teenagers than for children and is certainly also suitable for adults (which indeed, could identify more easily with the main character, as for once he is an adult).
To appreciate the book at its best it pays to know London a little (at least the subway map), but it is not strictly necessary.
I would definately recommend "Neverwhere", especially to lovers of fantasy, urban fantasy, London and Gaiman.

N.B. I love Door's style, with torn and patched layers of velvet, lace and taffeta under a brown leather jacket.

4 commenti:

Rhiannon ha detto...

This sounds good! I read Stardust not so long ago, and I just bought The Ocean At The End Of The Lane, so maybe this should be next on my list :D It sounds like Door might be a good inspiration for a future sewing project...

Piperita Patty ha detto...

I still have to read The Ocean At The End Of The Lane! I really want it, but I'm waiting for an economic edition.
I think that if you like Gaiman you should read Neverwhere too.

Amy Townsend ha detto...

Yay! Aw, thanks so much for the mention. I'm really glad you gave it a look - and happier still that you liked it.

Piperita Patty ha detto...

@Amy: thank you for the list!!! Now I'm reading Un Lun Dun.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...