venerdì 25 ottobre 2013

Day 11 & 13: Elche, Alicante & comeback

Partiamo da Siviglia e in un po'meno di 7 ore di macchina arriviamo ad Elche, una città molto poco turistica, famosa soprattutto per la piantagione di palme, che risale a tempi antichissimi. Volevo andarci a tutti i costi dopo aver visto le foto su internet in cui sembrava un luogo magico e tropicale.
Elche è anche famosa per i ritrovamenti di epoca preistorica, in particolare la magnifica statua chiamata Dama de Elche, che purtroppo è conservata al museo archeologico di Madrid, e che qui vedete nella prima foto, riprodotta in foglia di palma.
In realtà la città non è granché e il palmeto è molto meno selvaggio di quanto sperassi. Ci rechiamo per prima cosa al museo del palmeto. Carino e informativo, ma non esaltante, però ci permette di comprendere il palmeto, organizzato ancora secondo il geniale sistema importato dagli arabi.
Purtroppo i negozi che vendono datteri sono tutti chiusi, perché li adoro. Facciamo solo un giro fra le palme, ma poi scappiamo ad Alicante, sperando di riuscire a fare una nuotata in mare.

We leave Seville and in slightly less than a 7 hour drive we arrive at Elche, a city visited by very few tourists, mainly famous for its palm grove, which dates back to ancient times. I absolutely wanted to go there after seeing the pictures on the internet in which it seemed a magical and tropical place.
Elche is also famous for the discovery of prehistoric times finds, particularly the magnificent statue called Dama de Elche, which unfortunately now is in the Archaeological Museum of Madrid, and that you see reproduced in palm leaf in the first picture.
In fact the city is not that great and the palm grove is much less wild than I hoped. First we go in the museum of the palm grove. Nice and informative, but not exciting, anyway it allows us to understand the palm grove, still organized according to the ingenious system imported by the Arabs.
Unfortunately the stores that sell dates are all closed, as I love them. We just do a quick tour of the palm trees, but then we leave for Alicante, hoping to bathe in the sea.

Entrando in città notiamo sulla collina il castello di Santa Barbara. La città non sembra particolarmente bella, ma addocchio vari negozietti interessanti e all'orizzonte luccica il mare.
Però si ripropone l'annoso problema del parcheggio. La Pelosa Metà riesce a scaricarmi all'ostello con tutte le valigie, ma per quando riesce a raggiungermi (dopo aver lasciato la macchina in un garage a pagamento, sigh), è già tardi.
Usciamo per fare un giretto, ma dopo essere stati nel primo negozietto, dove compro uno scrigno stupendo e della lana luccicosa, e a fare un salto al supermercato, sta già chiudendo tutto.
Visto che è l'ultima sera di vacanza pensiamo di mangiare fuori, ma all'hotel non ci sanno consigliare nessun luogo e anzi, ci guardano come fossimo matti. Quando usciamo di nuovo scopriamo perché: chiusi i negozietti e andati via i bagnanti, la città si trasforma e diventa un luogo inquietante popolato da brutti ceffi. Vediamo anche il primo transessuale della vacanza: come fan di Almodovar mi sarebbe spiaciuto molto non vederne nemmeno uno :P
I locali aperti sembrano bruttini e non troviamo più quello che avevamo addocchiato sperando di mangiare la paella al nero di seppia. Decidiamo di rientrare e un po'depressi ceniamo a instant noodles.

Entering the city we see on the hill the castle of Santa Barbara. The city does not look particularly pretty, but I eye various interesting shops and the sea sparkles on the horizon.
But there's the age-old problem of parking. The Hairy Half manages to leave me at the hostel with all the luggage, but when he manages to reach me (after leaving the car in a garage, sigh), it is already late.
We go out for a walk, but after being in the first shop, where I buy a beautiful casket and sparkly yarn, and going to the supermarket, everything is already closing.
Since it is the last night of vacation we plan to eat out and we ask for advice at the hotel, but they don't know any restaurant and, indeed, look at us like we aree crazy. When we go out again we find out why: after the shop closeds and the bathers left, the city transforms and becomes a scary place populated by ugly mugs. We also see the first transsexual of the holiday: as a fan of Almodovar I would have been disappointed not see a single one :P
The open pubs and restourant seem ugly and we do not find more than we can't find anymore the one we spotted hoping to eat the paella with squid ink. We decide to go back and have a depressing dinner with instant noodles.

Il giorno dopo è quello del grande ritorno. Siamo molto preoccupati, ma le 13 ore di guida filano via veloci, perché mentre la Pelosa Metà guida, io leggo ad alta voce il bellissimo Streghe all'estero di Terry Pratchett (recensione a breve).

The next day is the one of the great return. We are very worried, but the 13 hours of driving pass fast, because while the Hairy Half guide, I read out loud the beautiful Witches Abroad by Terry Pratchett (review soon).

Per pranzo mi sono portata un set di crostini e hummus più dei meravigliosi datteri comprati il giorno prima al supermercato: un delizioso pasto in stile arabo.
A proposito di cibo, ci facciamo una sonora risata in un autogrill in Francia, in cui la macchinetta del caffè offre anche zuppa di legumi o pomodori (spero non dallo stesso ugello).
Invece di tornare subito a Milano ci fermiamo un paio di giorni in Liguria, nella casa di mia nonna. Riusciamo a farci qualche bagno tardivo e a mangiare le specialità locali, ma non mi godo il rientro quanto vorrei: appena rientrata scopro che i miei genitori mi hanno organizzato un colloquio di lavoro a brevissimo, anzi, rischio di dover rientrare di corsa senza nemmeno una camicia stirata, ma per fortuna c'è un inconveniente e viene rimandato. Sono proprio tornata...

For lunch I brought a set of hummus and croutons and wonderful dates bought the day before at the supermarket: a delicious Arab style meal.
Speaking of food, we have a hearty laugh at a motorway in France, where the coffee maker also offers vegetable or tomato soup (I hope not from the same nozzle).
Instead of returning immediately to Milan we stop a couple of days in Liguria, in my grandmother's house. We are able to bathe in the sea and eat the local food, but I do not enjoy the return as I would like: when just got back I discovered that my parents arranged for me a job interview in a very short time, in fact, I risk to have to go back to Milan immediately without even an ironed blouse, but fortunately there is a drawback and is postponed. I'm really back...

Pension Portugal
Misto fra ostello e albergo, con cucina (poco pulita, ma funzionante), bagni comuni e camerate, ma anche camere con bagno (la nostra scelta). La seconda stanza più grande del viaggio, per fortuna stavolta corredata da un bagno niente male. In più nella nostra camera c'era un minuscolo balcone. Asciugamani blu che fanno sospettare un candeggio imperfetto, ma hanno la decenza di non farlo vedere. Dispenser di sapone e shampoo e addirittura il tappetino antiscivolo nella vasca.
Wi-fi gratuito, reception 24 ore, personale gentile, ascensore (che ho molto apprezzato), televisione, aria condizionata, accesso per gli handicappati.
Abbastanza vicino al mare e in una zona piena di negozi e supermercati.
 Tutto questo per un prezzo molto basso.
Non so se consigliare le camerate perché gli ambienti comuni mi sono parsi sporchini, ma le camere valgono.

Mixture of hostel and hotel, with kitchen (not so clean, but working), shared bathrooms and dormitories, as well as rooms with bathroom (our choice). The second largest room of the trip, luckily this time accompanied by a pretty good bathroom. In addition in our room there was a tiny balcony. Blue towels that make us suspect an imperfect bleaching, but they have the decency not to show it. Soap dispenser, shampoo and even non-slip mat in the tub.
Wi-fi access, 24 hour reception, friendly staff, elevator (which I appreciated), television, air conditioning, access for the handicapped.
Close enough to the beach and in an area full of shops and supermarkets.
  All this for a very low price.
I do not know whether to recommend the dormitories because the common areasdidn't look so clean, but the rooms are worth it.

4 commenti:

Acalia Fenders ha detto...

Noi da Alicante non siamo passati. Al Ritorno siamo passati dall'entroterra, nella Mancia, dove siamo passati a vedere i famosi mulini a vento di Don Chisciotte ^^
Dormire abbiamo dormito in un paesino sperdutissimo XD

Nyu Sumeragi ha detto...

La zuppa al distributore???? Non me la sarei persa per niente al mondo! xD

Scarabocchio Girl ha detto...

Vacanza finita..peccato! Ma direi che sia andata piuttosto bene no!? :)

Piperita Patty ha detto...

@Acalia: che bello! Molto meglio di Alicante di sicuro!

@Nyu: solo i francesi!

@Scarabocchio: direi proprio di sì ^^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...