lunedì 22 febbraio 2016

Revenant - Redivivo/The Revenant

The Revenant 2015 film poster.jpg
"The Revenant" è un film storico del 2015 diretto da Alejandro Iñárritu e scritto dal regista insieme a Mark Lee Smith basandosi sull'omonimo romanzo del 2003 di Michael Punke, a sua volta parzialmente ispirato alla vita del cacciatore di pelli Hugh Glass che nel 1823 fu abbandonato in fin di vita dai suoi compagni, riuscendo a sopravvivere.
Il film ha ottenuto un Golden Globe come Miglior regia, Miglior film drammatico e Miglior attore in un film drammatico, inoltre ha ottenuto 12 candidature ai Premi Oscar 2016.
Si tratta di una storia d'azione e di sopravvivenza molto dura, al limite della pornografia della violenza. Se vi piace questo tipo di storie, si tratta di un ottimo film di questo genere. Se odiate Leonardo di Caprio (che qui interpreta il protagonista) e volete vederlo ferito e martoriato in tutti i modi, questo è il film per voi. Se odiate i grizzly e volete vederli martoriati (per fortuna solo in cgi), è comunque il film per voi.
Al di là della violenza, ho trovato molto interessante, anche se poco sviluppato, il rapporto fra coloni e indiani.
Parlando di questo film è indispensabile dire che è lungo e a tratti lento, con pochissimo parlato. La recitazione, soprattutto quella di Di Caprio e Hardy è veramente ottima, e la fotografia è straordinaria, ma sicuramente non è un film per tutti.

"The Revenant" is a 2015 historical film directed by Alejandro Iñárritu and written by the director together with Mark Lee Smith, based on the 2003 novel of the same name by Michael Punke, itself partly inspired by the life of Hugh Glass, a trapper who in 1823 was abandoned on the verge of dying by his teammates and survived.
The film won a Best Motion Picture – Drama, Best Director, and Best Actor – Drama Golden Globe, and also got 12 nominations for the 2016 Academy Awards.
It is an action story about a very tough survival, to the limit of the pornography of violence. If you like this kind of stories, it is an excellent film of this genre. If you hate Leonardo DiCaprio (who plays the protagonist) and want to see him hurt and tortured in every way, this is the movie for you. If you hate grizzlies and want to see them tortured (only in cgi luckily), it is the movie for you.
Beyond the violence, I found very interesting, though little developed, the relationship between the colons and Indians.
Speaking of this film is essential to say that is long and sometimes slow, with very few talking parts. The acting, especially DiCaprio's and Hardy's is really good, and the photography is amazing, but definitely it isn't a movie for everyone.

6 commenti:

RagazzAcidella ha detto...

Sono d'accordo, non è certamente un film che comprerei per rivederlo a casa però non fa schifo come ho sentito dire da qualcuno...riprese bellissime e nonostante la lunghezza abbastanza interessante.

Piperita Patty ha detto...

Forse, dati gli ottimi commenti, la gente si aspettava qualcosa di più popolare?

Hime Claire ha detto...

Concordo sul fatto che non sia un film per tutti, soprattutto per stomaci delicati (sono contenta di non aver preso i pop corn quel giorno). A me non dispiaciuto, il tema dei conflitti tra coloni e indiani mi piaceva molto ma effettivamente era ridotto all'osso, la fotografia davvero davvero straordinaria *.* Di Caprio secondo me si scolla di dosso molti suoi personaggi vecchi con questo ruolo ...staremo a vedere la notte degli Oscar ;)

Marco Grande Arbitro ha detto...

L'ho trovato magnifico... Mi dispiace solo che non posso acclamarlo come "perfetto". Gli manca qualcosa

Babol ha detto...

E' passato ormai un po' di tempo da quando l'ho visto e, come previsto, è rimasto soltanto il ricordo di una fotografia splendida e di quel paio di momenti WTF che lo fanno somigliare più ad un episodio di Man vs Nature che ad un film meritevole di Oscar. Peccato che quest'anno li vincerà quasi tutti lui, celando agli occhi del grande pubblico, quello occasionale, film ben più meritevoli.

Piperita Patty ha detto...

@Claire: io durante una scena ho chiuso gli occhi! Ai tempi di Titanic pensavo che Di Caprio fosse il solito belloccio destinato a scomparire, invece è diventato un grande attore!

@Marco: sì, decisamente manca qualcosa, ma è difficile definire cosa.

@Babol: concordo, peccato.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...