venerdì 21 dicembre 2012

Lo Hobbit/The Hobbit

Source
Sabato scorso sono andata a vedere Lo Hobbit. Era un momento che aspettavo da un annetto, tanto che ho scelto un costosissimo cinema con il super audio e il super 3D. Sapevo a memoria da un bel pezzo le parole della canzone dei nani,  ho fatto foto con il cartonato di Gandalf prima di entrare, durante le 3 ore di proiezione speravo che il film non finisse più, e a fine proiezione volevo lanciare il mio reggiseno a Peter Jackson. Come immaginerete non sono esattamente imparziale sulla questione, ma per rendere questa recensione almeno un minimo dignitosa, invece che fangirlismo puro, ho deciso di ascoltare anche la mia parte più razionale e riportare anche le critiche dei miei amici.

  • Questo film sarà il primo di tre (non so se piangere perché dovrò aspettare il prossimo per un anno o essere felice che ce ne sia ancora). Se tutti e tre durano tre ore, il risultato finale sarà lungo più o meno come la trilogia di film de Il signore degli anelli. Peccato che il libro Lo Hobbit sia un quinto di quello de Il signore degli anelli se non meno. Per allungare la broda Jackson ha attinto a piene mani alle appendici de Il signore degli anelli e ha aggiunto pezzetti che lo collegassero agli altri film. Il risultato non è male, però quando si traggono tre film immensi da un libretto si sospettano sempre vili fini commerciali.
  • Il libro Lo Hobbit è narrato come una sorta di favola con anche momenti di comicità abbastanza stupidi, mentre Il signore degli anelli ha un tono fondamentalmente epico. Jackson è riuscito a uniformare un po'i due linguaggi per rendere coerente la narrazione filmica. In pratica ha aggiunto momenti epici e allungato un po'le battaglie, senza però perdere i momenti comici e il tono generale. La mia impressione è che abbia fatto un buon lavoro.
  • La musica è spettacolare, in particolare la canzone dei nani
  • I personaggi cadono più volte da altezze allucinanti, vengono messi sul fuoco e prendono colpi da mazza di ferro in faccia facendosi solo qualche taglietto. WTF??? Ok l'epicità, ma qui si esagera. Nel libro il fatto che i protagonisti se la cavino in situazioni estreme sembra anche avere senso, ma vedendo il film si esigerebbero almeno un paio di morti.
  •  Probabilmente sempre per motivi di epicità, i combattimenti vengono esagerati rispetto al libro. Non ne vengono aggiunti, però anche situazioni che venivano risolte abbastanza in fretta o senza troppo spargimento di sangue qui vengono prolungati e assumono connotati eroici. La seconda metà del film, soprattutto, è costituita da una sfilza di battaglie, il che può risultare noioso.
  • Mancano praticamente del tutto personaggi femminili, ma quello è un problema di Tolkien in generale. Anche in Il signore degli anelli i personaggi femminili sono poco più che graziosi soprammobili, a parte Galadriel e ancor di più Eowin che infatti amo. Ne Lo Hobbit è ancora peggio. Sospetto Tolkien di misoginia.

Last Saturday I went to watch The Hobbit. It was a moment I had waited for about a year, so I chose an expensive movie theatre with super sound and super 3D. I knew by heart form a long time ago the words to the song of the dwarves, I took pictures with the cardboard Gandalf before entering, during the 3 hours of projection I hoped the film would never end, and at the end I wanted to throw my bra to Peter Jackson. As you can imagine I'm not exactly impartial on the issue, but to give to this review at least some dignity, rather than pure fangirl stuff, I decided to listen to my most rational part and report the criticism of my friends.
  • This film will be the first of three (I do not know whether to cry because I have to wait one year  for the next or be happy that there is still some). If all three last three hours, the end result will be more or less long as the movie trilogy of The Lord of the Rings. Too bad the book The Hobbit is a fifth of that The Lord of the Rings or less. To extend the story Jackson took parts from the appendices of The Lord of the Rings and added scenes to link this one to the other films. The result is not bad, but when you take three really long movies from a small book people always suspect commercial purposes.
  • The book The Hobbit is narrated as a sort of fairy tale with moments of often stupid comedy, while The Lord of the Rings has a basically epic tone. Jackson was able to level the two languages ​​to make a coherent film narrative. He did so adding epic moments and stretching the battles without losing the comic moments and the overall tone. My impression is that he did a good job.
  • The music is spectacular, especially the song of the dwarves
  • The characters repeatedly fall from enormous heights, are put on the fire and are hit with iron maces in the face, getting only a few cuts. WTF?? Epic is ok, but this is going too far. In the book, the fact that the protagonists get by extreme situations alive seem to make sense, but the film scenes would require at least a couple of deaths.
  •  Probably also for the sake of epic, fighting are exaggerated compared to the book. None are added, but situations that were resolved fairly quickly and without too much bloodshed here are long and take on a heroic tone. Especially the second half of the film is formed by a succession of battles, which can be boring
  • Female characters are almost completely lacking, but that is a general problem of Tolkien. Even in The Lord of the Rings female characters are little more than pretty ornaments, apart from Galadriel and even more Eowin, who in fact I love. The Hobbit is even worse. I suspect Tolkien of misogyny.

  • Radagast il marrone è reso una macchietta comica e la sua parte allungata a dismisura rispetto al libro. Decisamente eccessivo per i miei gusti, anche se era un personaggio abbastanza bislacco anche nell'originale. Almeno la cacca di uccello nei capelli potevano evitarla. Però la sua slitta trainata da coniglietti è favolosa *_*

  • Radagast the Brown is made a caricature and his part is stretched out of proportion compared to the book. Definitely too much for my taste, even though he was quite eccentric even in the original. At least they could avoid to punt bird poop in his hair. But his sleigh drawn by bunnies is amazing *_*


Source

  • C'è un nano seriamente gnocco, Kili, cosa improbabile, ma che apprezzo molto!!! Infatti credo che la sua parte sia un po'esagerata. Anche Kili, Bilbo e Thorin hanno momenti di figaggine

  • There is a seriously handsome dwarf, Kili, which is unlikely, but I really appreciate it!!! Infact I think his part was a bit extended. Kili, Bilbo and Thorin have moments of handsomeness too

5 commenti:

bebe ha detto...

io vado stasera, non vedo l'ora!! sono una super nerd di Tolken... godrei immensamente se Jackson facesse un film sul Silmarillion *O*

Nyu Sumeragi ha detto...

Sul quarto punto mi sono soffermata anche io.. qualche braccino o gambina spezzata è impossibile che non ci fosse.. per quanto un nano possa essere "compatto", cadute del genere sono spezzacollo!

La slitta trainata da conigli è stata la cosa più fighissima di tutte.. ad un certo punto ho pensato che potessero essere conigli mannari.. ahahah!

Piperita Patty ha detto...

@Bebe: ti è piaciuto? Secondo me il Silmarillion è troppo frammentario per farci un film che funzioni :(

@Nyu: sì, per forza!! Stupendi i conigli mannari!

Chasing Rainbows ha detto...

Non ho visto il film, e non ho letto il libro, quindi non so cosa aspettarmi.
Concordo però in linea generale con il punto 1 che hai analizzato. Fare 3 film belli lunghi da un libricino significa o analizzare minuziosamente ogni minimo aspetto della descrizione, o allungare il brodo inventandosi anche tanta roba.
Sul punto 2 mi permetto invece di "dissentire" cioè, non so a che livelli sia la comicità in questo film, ma io ricordo anche nel "il signore degli anelli" alcune scene comiche, specie quelle fra il nano e Legolas XD
Per quanto riguarda le battaglie, io le trovo tremendamente noiose, sono la parte che in tutti i film in genere salterei con estrema gioia XD quindi sospetto che la seconda parte di questo film mi annoierà non poco :/
Per il discorso delle donne concordo, ci sarebbe proprio da domandare allo scrittore :/
(Muriomu)

Piperita Patty ha detto...

@Muriomu: ho controllato e la parte dello stregone bruno e dell'orco bianco contengono effettivamente delle invenzioni.
Certo, c'erano stacchetti comici anche nel signore degli anelli (adoro quando contano quelli che hanno ucciso!), ma il tono dei due libri è completamente diverso! Nel libro del signore degli anelli la comicità se non a zero è molto sottotono (Gimli è stato comicizzato nel film), nello Hobbit è pieno di vaccate, anche se più nella prima parte, e più che epico è favolistico.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...