venerdì 5 dicembre 2014

L'importanza di chiamarsi Ernesto/The Importance of Being Earnest

L'importanza di chiamarsi Ernesto (in originale"The Importance of Being Earnest") è una commedia teatrale in tre atti di Oscar Wilde, rappresentata per la prima volta nel 1895. E' una parodia spietata e divertentissima dell'alta società nel periodo vittoriano, a partire dal titolo: Ernest infatti in inglese suona come "earnest", cioè onesto, serio (io concordo con chi vorrebbe tradurre Ernest in italiano come Franco per conservare il gioco di parole). Ma i personaggi che si spacciano per il fantomatico Ernest sono tutt'altro che onesti. E' una commedia d'amore con personaggi talmente superficiali da essere brillanti e un sacco di colpi di scena assurdi, condita da frasi argute come la bellissima "Tutte le figlie femmine diventano come la loro madre. Questa è la tragedia delle donne. Nessun maschio lo diventa: e questa è la tragedia degli uomini". E' assolutamente un must, ancora meglio in lingua originale. Io mi sono appena cimentata nell'impresa e, anche se ho trovato qualche termine difficile, il livello generale era molto più semplice di quanto temessi. In più è molto corta, in una giornata la si finisce, un altro stimolo per leggerla in inglese.
Questa commedia ha varie versioni cinematografiche. Io ho visto quella del 2002, con Rupert Everett e Colin Firth e l'ho trovata davvero ben fatta, ottimamente recitata e divertentissima. Se proprio non avete voglia di leggere il libro ve la consiglio. Ma in realtà anche se avete voglia, possibilmente dopo.

File:Ernestposter.jpg
The Importance of Being Earnest is a play in three acts by Oscar Wilde, performed for the first time in 1895. It's a fierce and hilarious parody of high society in the Victorian period, starting from the title: Ernest in fact sounds like "earnest". But the characters who pretend to be the elusive Ernest are anything but earnest. It's a romantic comedy with characters so superficial they become brilliant and a lot of absurd twists and turns, seasoned with amusing sentences like the beautiful "All women become like their mothers. That is their tragedy. No man does. That's his". It absolutely a must, even better in the original version (it's also really short).
This comedy has several film versions. I have seen the 2002 one, with Rupert Everett and Colin Firth and I found it really well done, well acted and funny. If you do not feel like reading the book I recommend it. But I recommend it even if want to read it, possibly later.

8 commenti:

Clyo Parecchini ha detto...

Io l'ho letto mille anni fa, ma in effetti concordo: è molto divertente. Forse potrei provare in inglese, ma il bello sarebbe vedere la rappresentazione in lingua originale adesso.

Piperita Patty ha detto...

Oppure puoi cominciare dal film in originale!

Marco Grande Arbitro ha detto...

Ma veramente c'è chi lo traduce "Ernesto"??

Piperita Patty ha detto...

@Marco: giurin giurella

Angela ha detto...

Questa è una splendida commedia......a tratti amara, ma indiscutibilmente divertente! Mi piace da morire! E la leggo sempre volentieri.....anzi ne ho proprio due copie! :) buoni giorni di festa! Mi raccomando non farti stregare anche tu, come me, da Tiger, riuscire a rinunciarci ad andare poi diventa sempre più difficile! Te lo dico per esperienza personale! :)

Piperita Patty ha detto...

@Angela: io per caso l'ho solo in inglese, così ho approfittato per leggerla in originale!
No, tranquilla, purtroppo non ho mai tempo di andare da Tiger, così compenso l'acquisto compulsivo di quando ci vado

Acalia Fenders ha detto...

Tutte le volte che sento il titolo di quest'opera mi viene in mente la storia "L'importanza di chiamarsi Papernesto", pubblicata a puntate sul Topolino. Non ce la faccio proprio ad evitare il collegamento automatico XD

Piperita Patty ha detto...

@Acalia: l'ho letta! Era una parodia molto carina!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...