martedì 10 luglio 2012

Campeche

La porta del mare vista da quella della terra/The sea gate from the land gate
Campeche è la capitale dell'omonimo stato messicano. E' una località si mare che si affaccia sul Golfo del Messico, ma non è un gran posto per fare il bagno. E' una città ricca, la cui fonte di reddito principale sono le piattaforme petrolifere al largo della costa. La parte più interessante di Campeche è la città coloniale spagnola, fortificata con mura per difendersi dagli attacchi di pirati e bucanieri. Sono ancora in piedi con le loro due porte, quella della terra e quella del mare, anche se il mare si è spostato qualche metro più avanti, e racchiudono una marea di casette colorate in stile coloniale. La città vecchia è stata dichiarata patrimonio Unesco.
Sul lungomare si trovano ancora antichi cannoni ripescati in mare, e il più classico prodotto di artigianato locale, dal poco che ho visto, sembrano essere noci di cocco intagliate a forma di testa di pirata. Infatti la città gioca abbastanza sui suoi passati persecutori per affascinare i turisti.
La cattedrale è carina, ma niente di veramente speciale.
Sul resto di Campeche non c'è molto da dire: pare che sia un mortorio dal punto di vista di vita notturna e simili, e gli abitanti guidano peggio della media messicana che è tutto dire. Camminando per la città vecchia un macchinone ci è venuto addosso, salendo pure sul marciapiede, gli è scoppiata la gomma e per fortuna è ridisceso dal marciapiede prima di investirci. Dopodiché il conducente se n'è andato come se niente fosse!

Campeche is the capital of the homonymous Mexican state. It's a city overlooking the Gulf of Mexico, but not a great place for bathing in the sea. It 'a rich city, whose main source of income are the oil rigs off the coast. The most interesting part of Campeche is the Spanish colonial town, fortified with walls for defense against attacks by pirates and buccaneers. The walls are still standing with their two doors, one of the land and one of the sea, even if the sea moved a few meters ahead, and contain a plethora of colorful colonial-style houses. The old town was declared a UNESCO world heritage site. On the waterfront you can still find antique cannons fished in the sea, and the classic product of local crafts, from the little I've seen, seem to be coconuts carved in the shape of pirate heads. In fact, the city plays a lot the card of it's past persecutors to fascinate the tourists. The cathedral is nice, but nothing really special. On the rest of Campeche there is not much to say: it seems to be nearly dead in terms of nightlife and the like, and people drive worse than the average Mexican, that is something. Walking through the old town a big car came toward us, climbing on the pavement, it's rubber broke out and luckily fell back from the pavement before hitting us. After, the driver went away as nothing happened!

La nostra guida ci ha raccomandato un ristorante molto buono che per i messicani è di lusso, ma che i turisti italiani potranno permettersi senza troppo sforzo, il Marganzo. Io e la Pelosa Metà abbiamo speso qualcosa come 20 euro in 2 per un antipasto e un secondo (ma calcolate che danno degli extra, basta un solo piatto se non morite di fame). Ci hanno dato, oltre al nostro ordine, un margarita al tamarindo, dei nachos con tre salsine, una all'aglio, una al tremendo peperoncino habanero e una al pomodoro, e in più dello squaletto (sembrava un po'tonno, era molto buono). Però attenzione, non so bene se tutti questi extra fossero normali o ci fossero arrivati perché era presente anche la guida o eravamo con una coppia che aveva la cena inclusa nel pacchetto vacanze. Ma sono abbastanza sicura che qualcosa arrivi.
Io ho preso gamberetti al cocco: come vedete in foto la presentazione era ottima, e anche il sapore, anche se speravo che sapessero di più di cocco. Non ho preso altro perché stavo un po' male, ma tutti i piatti dei miei commensali sembravano molto buoni. Essendo in una località di mare raccomando di provare il pesce. Un'altra cosa buona del ristorante era che la mancia è inclusa nel conto, visto che là si deve dare, ma che noi italiani abbiamo sempre problemi a capire quanto.

Our guide recommended us a very good restaurant that for Mexicans is luxurious, but the Italian tourists can afford without too much effort, Marganzo. Me and the Hairy Half spent something like 20 euros in 2 for a starter and a second (but calculating that there are free extras, just one dish is ok if you do not die of hunger). They gave us, in addition to our order, a tamarind margarita, nachos with three sauces, a garlic, a tremendous chili habanero and a tomato one, and a dish made of a little shark (it tasted a bit like tuna, was very good ). But be careful, I'm not sure if all these extras were normal or there were served because there was also the guide or there were a couple who had dinner included in price of the holiday. But I'm pretty sure something free will arrive anyway. I got coconut shrimps: as you see in the picture, the presentation was great, and the taste too, although I was hoping they tasted more of coconut. I did not order anything else because I wasn't feeling so good, but all the dishes of my frinds seemed yummy. Being a seaside place I recommend trying the fish. Another good think of that place was that the tip was included in the bill, as in Mexico you have to give tips, but as in Italy you haven't, us italians always have problems to understand how much to give.

10 commenti:

Nyu ha detto...

Hai anche rischiato la vita.. un viaggio indimenticabile in tutti i sensi!

Serena S. Madhouse ha detto...

Il Messico mi piace sempre di più..
bella la città fortificata, solo che non deve essere servita a molto, visto che i pirati sono anche al suo interno e guidano anche la macchina! ehehe
scherzo.. i pirati son sempre dipinti male ma in realtà non lo erano (difendo la categoria e anche le mie origini corsare/moresche!! eheh)

automaticjoy ha detto...

Be' le storie di pirati hanno sempre il loro fascino, fanno bene a giocarci per fare felici i turisti.
Mamma mia, pure il guidatore pazzo vi siete beccati... ci vogliono due paia di occhi anche dietro la testa!

Federica ha detto...

Bellissimo posto!


www.vanillaandsoap.com

Federica ha detto...

Bellissimo posto!


www.vanillaandsoap.com

Acalia Fenders ha detto...

Che voglia di pesce che mette quella foto, sembra tutto veramente delizioso! La mancia anche per me è sempre un problema, non so mai come, quanto e se darla ç__ç

Eravate un gruppo numeroso tipo pullman o di meno, come compagnia di viaggio?

Piperita Patty ha detto...

@Nyu: già XDDD

@Serena: Origini pirate? Che figata!!! Non tutti erano brave persone però il codice che si sono dati quelli che battevano le coste americane secondo me è fantastico.

@Elena: sono d'accordo, infatti io sono rimasta affascinata :P Ho letto troppo Salgari da piccola, adoro pure i pirati contemporanei, i buzzurri in motoscafo.

@Federica: assolutamente, mi sarebbe piaciuto vedere meglio la città (anche se mi sa che non c'era molto di più...)

@Acalia: Come numero siamo stati fortunati (almeno, secondo la mia misantropa opinione), eravamo in 4 più la guida.

Lalav ha detto...

1. Dovremmo credere che tu NON hai comprato la testa di pirata in cocco?!?! :D
2. Quei gamberi sembrano ottimi, mi hai fatto ritornare voglia di sperimentare quella ricetta gamberi e cocco che hai pubblicato tempo fa
3. Probabilmente sono orribile, ma a meno di straordinari meriti personali io ho deciso di non lasciare mai mance

Sommy ha detto...

Quel piatto è bellissimoo!! Sono innamorata :Q___

Piperita Patty ha detto...

@Lavinia: 1. a dirla tutta tutta avrei voluto almeno vedere quanto costava, ma quel giorno mi sentivo malissimo! In messico è difficile non cuccarsi qualche problema di pancia... -.-
2. Idem, devo assolutamente rifarli! Tantopiù che i miei sono più coccosi
3. guarda, in linea di massima la penso così anch'io anche perchè i soldi scarseggiano già per me, ma in certi paesi mi vengono i sensi di colpa da primomondista.

@Sommy: vero, io non curo mai molto la presentazione dei piatti e invece fa tantissimo! Se ti interessano i gamberi al cocco puoi provare la ricetta dei gamberi alla bahia. Sono completamente diversi, ma è buonissima (non è mia quindi posso dirlo) ed è l'unica che conosco XD:
http://conigliodellamoda.blogspot.it/2012/02/gamberi-alla-bahianabahia-style-prawns.html

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...