giovedì 18 gennaio 2018

Birthday trip to London: day 1

Per il mio trentesimo compleanno mi sono regalata un viaggio a Londra con mio marito per vedere gli Studios di Harry Potter grazie alla mia amica Prociona e da suo marito che ci hanno ospitato.
Abbiamo volato con Ryan Air e, fedele alla reputazione della compagnia, il nostro volo è arrivato con un'ora di ritardo. Per fortuna ci hanno caricato a bordo del pullman National Express anche se avevamo i biglietti per quello dell'ora precedente.
Siamo passati a mettere giù le valigie dalla Prociona e siamo stati raggiunti per un tè dalla nostra amica Clyo con cui eravamo d'accordo per andare al Victoria & Albert Museum of Childhood, il più grande museo del mondo dedicato all'infanzia.

For my thirtieth birthday I treated myself to a trip to London with my husband to see the Harry Potter Studios, thanks to my friend Prociona and her husband who hosted us.
We flew with Ryan Air and, faithful to the company's reputation, our flight arrived an hour late. Luckyly, National Express accepted us on a bus even if we had tickets for an hour before.
We went to put down our suitcases at Prociona's and there we were joined for a tea by our friend  Clyo with whom we had agreed to go to the Victoria & Albert Museum of Childhood, the world's largest museum dedicated to childhood.

Ho scoperto cose interessantissime, come il fatto che in epoca vittoriana si desse l'oppio ai neonati perché si pensava che facesse loro bene dormire molto.

I discovered very interesting things, such as the fact that in the Victorian era toddlers were given opium because it was thought that it was good for them to sleep a lot.

Ho particolarmente amato l'esibizione di orsacchiotti, in particolare quello "operato" dal bambino che lo possedeva, poi diventato veterinario e quello a cui il proprietario scriveva cartoline.

I particularly loved the exhibition about teddy bears, in particular the one "operated" by the child who owned it, who, when he grew up, became a vet and the one to whom the owner wrote postcards.

Ho trovato favolose anche le dettagliatissime case di bambole vari paesi europei e varie epoche.

I found awesome also the very detailed doll houses from various European Countries and various ages.

Ci hanno dovuto sbattere fuori perché il museo stava chiudendo. Abbiamo recuperato Prociona e marito e siamo andati a mangiare da Efes, un ristorante turco molto buono. Abbiamo diviso gli antipasti misti e ci siamo scambiati assaggi del resto. Era tutto ottimo, ma ho trovato particolarmente buoni i piatti con doner di agnello, in particolare quello con yogurt e salsa anatolica.
Io e la Pelosa Metà abbiamo speso poco più di 30 sterline (comunque sul sito si trova il menù con i prezzi).

We had to go because the museum was closing. We met with Prociona and her husband and went to have dinner at Efes, a very good Turkish restaurant. We split the mixed appetizers and we exchanged tastes of the rest. Everything was great, but I found particularly good the dishes with lamb doner, especially the one with yogurt and Anatolian sauce.
The Hairy Half and I spent just over 30 pounds (however, on the site you can find the menu with the prices).

Siamo tornati a casa usando l'Uber, che per i brevi tragitti a Londra è più conveniente della metropolitana.
La zona dove abitano i nostri amici è un quartiere dove abitano moltissimi immigrati del Bangladesh, ma anche sapendolo non mi sarei mai aspettata di trovare in un giardinetto all'inglese una statua del fondatore del moderno stato del Bangladesh, Sheikh Mujibur Rahman! E con questa nota di colore locale si è chiusa la prima giornata del nostro viaggio.

We returned home using the Uber, which in London is cheaper than the tube for the short distances.
The area where our friends live is a neighborhood where live many Bangladeshi immigrants, but even knowing it, I never expected to find a statue of the founder of the modern state of Bangladesh, Sheikh Mujibur Rahman, in a little English garden! And with this note of local colour, the first day of our trip ended.

6 commenti:

Babol ha detto...

Il museo sembra davvero bellissimo! Non vedo l'ora di leggere il seguito :)

Piperita Patty ha detto...

Purtroppo l'abbiamo finito di vedere un po' di fretta, anche perché siamo stati ore davanti alle case delle bambole.

Nyu Egawa ha detto...

Dalle mie parti, anche i nonni e bisnonni davano ancora l'oppio ai bambini per farli stare tranquilli.. è una cosa che si è persa in tempi più recenti di quanto immagini!
I campi erano pieni di papaveri da oppio selvatici che in seguito sono stati completamente eliminati dal territorio.

Piperita Patty ha detto...

@Nyu: non ne avevo proprio idea, grazie mille, è interessantissimo!!! *_*

Clyo Parecchini ha detto...

Stavo pensando di mettere Garibaldi sul balcone... ma anche no ;D

Piperita Patty ha detto...

@Clyo: povero Peppe, lui ci teneva!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...