mercoledì 31 agosto 2011

H&M: ombrello e sconti/H&M: umbrella and discounts


Mi hanno regalato una carta da 5 euro di H&M e per una volta ho preso una cosa utile: un ombrello. Non è meraviglioso? *_* (Non ho trasgredito il mio buon proposito di non fare più shopping per un po', l'ho preso ad agosto).
Leggendo Marieclaire ho scoperto che mettendo "mi piace" sulla pagina facebook della rivista si ha uno sconto del 10% su un articolo a scelta di H&M fino al 15 settembre. A me per ora della nuova collezione in negozio non piaceva quasi niente, tanto che ho già avuto problemi a spendere i 5 euro. In più molte cose costavano tantino. Però ho visto gli anfibi rosa e li voglio anche se sono assurdi e importabili U.U

I recieved a 5 euro H&M discount card and for once I bought something I needed: an umbrella. Isn't it goregeous? *_* (I bought it in August, so I still didn't violate my resolutions).
Reading Marieclaire I discovered that liking their facebook page you'll recieve a 10% discount on an H&M item. This discount is valid until the 15th of September.
In the shop I didn't really like anything of the new collection, so that I had problems to spend my 5 euro. Plus the prices of most things are not so cheap. But I saw pink combat boots and I want them even if they're kitsch and difficult to coordinate U.U

Tendenze d'autunno/Autumn trends

Tramite assiduo spulciamento di numerosi blog e nuove collezioni di varie marche e dopo la lettura di Marieclaire, Zipper, Fudge e Nonno, mi sento di poter dare una versione aggiornata delle tendenze pereviste per quest'autunno, anche perchè ormai all'autunno ci siamo quasi.

STILI
- retrò bon ton, che comprende cappelli a tesa larga, bretelle, pantaloni palazzo, vita alta, dettagli di pelliccia, cappe
- preppy, quindi scozzese, cardigan con il collo a V, blazer maschili, occhialoni con la montatura nera, oxford, cartelle di pelle ecc.
- animaletti della foresta. Non è un trend annunciato, ma dappertutto si vedono gufi, stampe a piccoli animali, colori caldi autunnali, scarpe stringate alla montanara, ecc.
- qualche tocco hippie-etnico sopravvive all'estate, ma prevalentemente mescolandosi al bon ton in uno stile bohemienne, quindi stessa roba ma con stampe o accessori più folk. In questa tendenza rientrano anche gli accessori di ispirazione western, che in questa stagione sono più in stile "casa nella prateria" che cowboy. In questo trend rientrano per esempio i mocassini con le frange e le lunghe gonne a balze.
- In più perdura l'intramontabile rock-casual fatto di pantaloni slim, giacche di pelle nera, occhi bistrati, e nero come colore di base. Può essere declinato con accessori femminili come perle o fiocchi, o con dettagli borchiati, teschi, ecc.

COLORI, MATERIALI E FANTASIE
- di nuovo maglioni, cardigan e lana in tutte le forme, ma lo jacquard è in declino
- torna il pitonato. Io lo odio
- due tendenze di colori opposte: da una parte colori caldi e autunnali come marrone, bordeaux, prugna, zafferano, verde militare, dall'altra il classico nero-grigio-bianco. Questo dualismo si nota anche nel trucco. In più, sulla scia del color block dell'estate, continua la ricerca di accostamenti di colore forti.
- il pizzo continua ad andare forte, ma meglio nero
- pois
- stelline, principalmente su sfondo blu scuro o nero
- montone
- scarpe, borse e accessori in pelle marrone
- pelliccia, ma più come dettaglio che in blocco come l'anno scorso

Che ne pensate?
Se avete osservazioni da aggiungere le riporterò con il vostro nome!
✯✯✯
Assiduous shifting through numerous blogs and new the collections of various brands and after reading MarieClaire, Zipper, Fudge and Grandpa, I feel like I can give an updated version of my trend forecast for this autumn, also because we're almost there.

STYLES
- Retro bon ton, which includes wide-brimmed hats, suspenders, wide legs pans pants, high waist, fur details, capes
- Preppy,
which includes plaid, V-neck cardigans, blazers, black-framed glasses, oxford shoes, leather briefcases etc..
- Creatures of the forest. This trend is not announced, but
you can see everywhere owls, small animal prints, warm autumn colors, mountain style laced up shoes, etc..
- An
ethnic-hippie touch survives the summer, mainly mixed to the bon ton trend in a bohemian style, then the same thing but with more folk prints or accessories. This trend also includes Western-inspired accessories, this season more in a "House on the Prairie" style that in a cowboy one. Examples of this trend are fringed moccasins and long frilled skirts.
- The everkasting casual rock made ​​of slim trousers, leather jackets, black rimmed eyes and black as the base color. Can be interpreted with feminine accessories like beads or bows, or with studded details, skulls, etc..

COLORS, PATTERNS AND MATERIALS
- Another year of sweaters, cardigans and wool in all forms, but the jacquard is declining
- Python pattern retourns. I hate it
- Two opposite
colour trends: on one side warm autumn colors like brown, burgundy, plum, saffron, khaki, on the other the classic black-gray-white combo. This dualism is also noticeable in makeup. In addition, following summer's color block trend, continues the search for strong color combinations.
- Lace is still big, but it turned black
- polka dots
- little stars, in particular on a black or dark blue background
- mounton
- Shoes, handbags and accessories in brown leather
- Fur, but more as a detail than as block as last year

What do you think?
If you want to add some autum trend forecast write it in the comments and I will add it with your name!

Fudge n°98


Source: http://tokyo-jam.livejournal.com/

Anche se è il numero di Agosto c'è già qualche ispirazione per l'autunno. All'hippie dell'estate iniziano a subentrare uno stile retrò bon ton e ancora il preppy.

Even if it's August's issue, there's some early autumn inspiration. This summer's hippie style leaves the place to a bon ton retrò style and another time to preppy style.








martedì 30 agosto 2011

Wings (by Aprilynne Pike)


Tanto per rimanere a tema, mi sono portata in Irlanda un libro sulle fate. L'ho comprato in edizione economica a 5 euro (invece che 6,50) sfruttando gli sconti estivi.
E' un urban fantasy, ovvero un fantasy ambientato in contesto "moderno", per teenager o comunque giovini. La trama è banalotta, ma il nodo centrale del racconto, ovvero la scoperta da parte della protagonista di essere una fata, è risolto in maniera originale. In più, pur essendo bellissima, magica, ecc., Laurel, la protagonista, non è nemmeno troppo antipatica. Questo libro è il primo di una serie. Non sono sicura di voler leggere gli altri (a meno di non trovarli in edizione supereconomica), ma non mi è dispiaciuto leggere questo.

Just to stay on topic, I brought a book about fairies in Ireland.
It 'an urban fantasy, a fantasy set in a
"modern" context, aimed for teenagers. The plot is quite banal, but the crux of the story, the discovery by the protagonist to be a fairy, is solved in an original way. In addition, although beautiful, magical, etc.., Laurel, the heroine, is not too unpleasant. This book is the first of a series. I'm not sure I want to read the others (unless I find super cheap editions), but I liked to read this one.

Foto random di come mi sono vestita al mare/Random seaside outfit photos

Finiti i post sull'Irlanda, ecco qualche foto dei pochi giorni che ho fatto al mare con mia nonna. Ancora una volta, visto che sono tante foto, non sto a tediarvi con marche prezzi dei singoli capi e accessori, se volete saperlo chiedetemelo nei commenti ^^

As the post about Ireland are completed, here are some photos of how I dressed for some days at the seaside with my granny. As before, as I'm publishing a lot of photos I won't bore you with the brand and price of the single items, but if you want to know it tell me in the comments and I'll let you know ^^



lunedì 29 agosto 2011

Irlanda: ostelli/Ireland: hostels

Backpackers D1 Hostel (Dublin)

Zona centrale, vicino alla stazione dei treni e dei bus e alle vie dello shopping. Bell'edificio, anche se piuttosto fatiscente. Tanti piani e niente ascensore. Stanze molto molto essenziali (di base non danno nemmeno la cartgienica) e non particolarmente esaltanti. Divieto di bere in ostello non rispettato nemmeno dal personale. A noi il personale ha fatto un sacco di pasticci mandandoci da un ostello all'altro (hanno un'altra sede nella stessa via), ma dipende anche con chi si capita. Cucina con attrezzatura poco confortevole e in condizioni igieniche pessime.
Frequentato da giovani e squattrinati di vario tipo. Meglio prenotare su internet: facendo così noi l'abbiamo pagato molto poco, ma in loco i prezzi sono decisamente più alti.

Central location, close to the train station and bus terminal and to the shopping streets. Beautiful, but dilapidated structure. Many floors and no elevator. Rooms are very very basic (they don't give you even toilet paper) and not particularly nice. Ban on drinking in the hostel is not even respected by the staff. The staff did a lot of mistakes sending us from an hostel to another (they have another location in the same street), but it also depends on who is on duty. Kitchen equipment is uncomfortable and dirty.
Frequented by young and penniless of various kinds. Better to book on the Internet: by doing it we slept there for a really cheap price, but on the spot prices are substantially higher.


Habour House (Sligo)


Vecchia casa del capitano di porto di Sligo. Molto bella, sia fuori sia dentro. E' in una zona industriale un po'defilata e per arrivare in città si deve camminare una decina di minuti. Più che un ostello sembra un hotel: tutto molto bello e pulitissimo, grande sala comune. Cucina perfetta, ben attrezzata e pulita, cereali e latte gratis a colazione. Stanze belle e comode. Ogni giorno all'ingresso scrivono su di una lavagna tempo previsto, temperatura e dove trovare musica dal vivo. Hanno un computer che si può usare gratis per 20 minuti. Età media dei frequentatori sui 40 anni. Buon rapporto qualità prezzo.

Old house of a Sligo's captain. Very beautiful, both inside and outside. It's in an industrial area a bit far from the center: to get into town you have to walk about ten minutes. More like a hotel than an hostel. It's all very nice and clean. Spacious lounge. Perfect kitchen, well equipped and clean, and free milk and cereals for breakfast. Beautiful and comfortable rooms. Every day they write on a blackboard the weather forecast, temperature and where to find live music. They have a computer you can use for free for 20 minutes. Average age of visitors on 40 years. Good value for money.

Sleepzone (Galway)

Ci siamo stati una sola notte, ma il personale era gentilissimo. Pulito e con ascensore, divieto di bere all'interno rispettato (noi ci siamo portati le lattine di sidro per sbaglio e ci hanno guardato malissimo). La cucina ci è parsa niente male, ma visto che c'era un'enorme scolaresca francese non siamo riusciti a capire bene. Buon rapporto qualità prezzo.

We stayed only one night but the staff was very kind. Clean and it has a lift. The ban on drinking is respected (we brought cans of cider by mistake and they looked at us badly). The kitchen seemed pretty good, but since there was a huge French schoolgroup were not able to understand well. Good value for money.

Irlanda per pezzenti/Ireland for pennyless

Visto che io e la Pelosa Metà abbiamo dovuto cavarcela in Irlanda con pochi dindini, mi sento di condividere le nostre (riuscite e non) strategie di risparmio e i relativi link.
  • Per prima cosa abbiamo scelto il volo più economico possibile con eDreams. Abbiamo volato con Wizz Air (la compagnia di bandiera irlandese) e non abbiamo avuto di che lamentarci.
  • Preventivamente mi ero fatta la ISIC Card, che certifica la propria identità di studente in tutto il mondo, permettendo di avere gli sconti appropriati. Dura un anno e costa 10 euro. Non me l'hanno mai controllata tranne in un negozio. Secondo me, a posteriori, sarebbe bastato il tesserino universitario italiano.
  • In Irlanda ci siamo mossi in autobus, che è il metodo più conveniente. Bisogna controllare che i luoghi che si vogliono visitare siano ben collegati e i tempi di percorrenza (noi volevamo vedere un parco, ma abbiamo scoperto che da dove eravamo non c'era il bus -_-'), ma rimanendo sulle grandi città non dovrebbero esserci problemi. Visto che la repubblica d'Irlanda è collegata da un'unica rete di autobus (esclusa Dublino, che si gira comodamente a piedi) ci siamo fatti l'open road pass, con cui avevamo un tot di giorni in cui potevamo viaggiare aggratis a una cifra fissa. A posteriori avremmo speso MOLTO meno a pagare i singoli viaggi. Conviene andare sul sito e farsi qualche conto.
  • Al primo museo appartenente alla rete Heritage mi sono fatta l'Heritage Card (non conviene farsela spedire. Paghi un tot ed entri gratis in tutti i siti Heritage, che sono in pratica i siti più belli da visitare. Per gli studenti conviene tantissimo perchè costa 8€, gli altri conviene si facciano due conti (alla Pelosa Metà quella normal da 21 per esempio non conveniva.
  • Abbiamo comprato una guida Routard. Costava 27€, ma erano segnalati tutti i posti dove prendere i bus, i prezzi delle attrazioni...insomma era piuttosto buona sul lato pratico, l'unica rimostranza è che non dava una stima dei tempi di visita e per esempio abbiamo visitato Galway in mezza giornata e l'altra mezza non sapevamo che fare. In più era tarata molto su amanti della birra e della musica, mentre noi volevamo soprattutto vedere i luoghi celtici e magici (siamo nerd). Le informazioni sui bus in realtà erano reperibili gratis nelle singole stazioni, quindi forse non ne è valsa la pena. Acalia consiglia le guide Mondadori, che dice essere bellissime e le sempre molto accurate o, avendo da da spendere, le Lonly Planet che sono più complete ma alla lunga anche un po' pallose. Dice che le Lonley sono le migliori per i contenuti culturali (e secondo Miria anche a livello organizzativo) ma le Mondadori sono piene di immagini, consigli utili e itinerari per le passeggiate. Per esempio hanno sempre una parte dedicata alla cucina tipica con tanto di immagini che, specialmente nei paesi esotici, aiuta molto nella scelta dei piatti. Poi, essendo molto ben organizzate, è facilissimo aggiungere una destinazione o modificare l'itinerario all'ultimo senza impazzire. Siobhan è per le Lonley.
  • Abbiamo sempre dormito in ostello. Con le camerate si spende pochissimo. Noi, più snob, abbiamo preso sempre la camera doppia con bagno, pagando comunque meno che in B&B o albergo. In più facendo la spesa al supermercato e mangiando in ostello si risparmia tantissimo sul cibo, che in Irlanda costa un sacco. Io ho usato per prenotare il sito www.hostelsclub.com di cui ho anche fatto la carta fedeltà vitalizia a 10€ più spedizione. La carta permette di evitare i costi del sito stesso. Però conviene solo se si va spesso in ostello e solo usando quel sito. Non sono così sicura che sia stata una buona idea. Seguirà la recensione degli ostelli stessi. Miria dice che usando hostelworld le commissioni vengono detratte dal totale. Siobhan aggiunge che hostelworld in caso di cancellazione restituisce anche al caparra (cavoli, saperlo prima...).
  • Se si cena fuori, approfittare degli orari "early bird", cioè prima delle 19. In proporzione si paga meno (Scarabocchio Girl).
Altre dritte? Lasciatele nei commenti e verranno pubblicate con il vostro nome.


As the Hairy Half and I had to go to Ireland with not so much money, I'll share our (succesful and not) strategies to save money.
  • To start we booked the cheapest flight with eDreams. We flight with Wizz Air (Ireland's company) and it was good.
  • I bought the ISIC Card that certificates wordwide you're a student and let you have the student discounts. It lasts a year and costs 10 euro. Thinking about it later it was stupid, I think my normal university ID was enough.
  • We used the bus to go around, that is the cheapest method. You should ceck before if the places you want to wisit are well connected and if you don't loose too much time (we wnted to see a park, but there wasn't the bus -_-'), but if you visit big cities there shouldn't be problems. As the Republic of Irland is connected (except for Dublin, but there it's simpler to go around by feet) by the same bus company, we bought the open road pass, a pass that lets you have a number of days of free travel for an extabilished amount of money. Thinking about it later, we would have saved a lot of money if we paid the single trips. It's better to check the costs in advance on the site.
  • At the first Heritage site I bought the Heritage Card (more economical that having it sent before). You pay an amount and have free entry in all Heritage Sites, that are the most beautiful places to visit. It's very cheap for students as they pay it 8€, but the others should do some calculations before (the normal one that costs 21 wasn't good for the Hairy Half as the single places costed less).
  • We bought a Routard guide. It costed 27€, quite a lot, but there were all the bus places, the prices...it was really good on the practical side. The only complaint is that id didn't do a time exteem, so for example we visited Galway in hald a day and didn't know what to do in the other half. Plus it was for a target of beer and music lovers, but we were more on the celtic and magic places (we're nerds). The bus informations were free at the station, so maybe this guide wasn't so convenient. Acalia said Mondadori guides are really good (but I think they're only in italian). She likes Lonley Planet too, If you want to spend some money on a guide. They're more complete, even a bit boring. Instead Siobhan prefers Lonley.
  • We always slept in hostels. Sleeping in dorms you save a lot, but as it was a romantic trip we always booked a double room with bathroom and still spent less than in B&B and hotels. Plus, buying food at the supermarket and eating in the hostels you save a lot because in Ireland food is really expensive. I booked trough www.hostelsclub.com and did the site card, that lasts forever, for 10€ plus spedition. It let you skip the site wages, but is useful only if you use hostels a lot and only through the same site, so now I think it was a bit stupid. Hostels review will follow. Miria said that using hostelworld the site's commissions are subtracted from the total payment. Siobhan adds that in case of cancellation hostelworld gives you back the deposit (wish I knew it before).
  • If you want to have dinner out, use the "early bird" offers (in general you find them eating before 19:00). They're cheaper (Scarabocchio Girl).
More advices? If you write me in the comments I'll add them to the post with your name.

Irlanda: come mi sono vestita/Ireland: outfit

Un po'di foto di come mi sono vestita in Irlanda, anche se per realismo bisogna dire che di solito avevo almeno maglione e k-way -_-' Visto che sono tante foto non sto a tediarvi con marche prezzi dei singoli capi e accessori, se volete saperlo chiedetemelo nei commenti ^^

Some photos of how I dressed in Ireland. To tell the truth I always had at least a cardigan and the k-way outside -_-' As I'm publishing a lot of photos I won't bore you with the brand and price of the single items, but if you want to know it tell me in the comments and I'll let you know ^^



Rieccomi/I'm back



(Purtroppo) sono tornata! E ho avuto una bellissima sorpresa! Più di 50 lettori!!! *___* GRAZIE MILLE!!! E se ognuno porta un amico sarete più di 100 XD
Adesso mi aspetta un "entusiasmante" settembre di studio in vista degli esami più pesanti del mio corso di laurea. Ma per contrastare lo stress continuerò a tormentarvi con post sulle mie vacanze.
Miracolosamente, anche se sono stata ospite di un'amica il cui padre gestisce un ristorante, non sono ingrassata, quindi è ufficiale: FINALMENTE HO FINITO LA DIETA! Adesso mi aspetta un luuungo mantenimento, ma vabbè.
In realtà sono anche contenta che cominci l'autunno, la mia stagione preferita! Non vedo l'ora di contemplare le foglie rosse e mettere vestiti più pesanti. Ammetto di essere rimasta indietro con le tendenze di quest'anno, ma mi aggiornerò: ho un sacco di riviste giapponesi e non che aspettano solo di essere lette e postate.
E con l'inizio del nuovo anno scolastico, come l'anno scorso, partono i buoni propositi: visto che ho fatto troppissimo shopping in vacanza e che il mio armadio sta esplodendo, mi autovieto di fare aquisti fino a gennaio con queste uniche eccezioni:
- libri e fumetti
- fiere annuali (capodanno celtico, fiera dell'artigianato...)
- regali per altri
- occasioni imperdibili (per esempio se trovo le scarpe che sogno da anni a 10 euro o simili). Quest'ultimo punto è controverso in quanto sa troppo di scappatoia...
E se voglio qualcosa me lo fabbrico. Stimolo alla creatività. Ecco.
Spero che anche la vostra estate sia andata bene!
☼☼☼
(Unluckily) I'm back! And I had a wonderful surprise: more than 50 followers!!! THANK YOU ALL!!! *____* And if everyone tooks a friend you'll be more than 100 XD
Now I'll have an "exciting" september studying for the harder exams of my degree. But to fight the stress I'll go on posting about my holidays.
I was guest of a friend whose father is a restaurant director, but miracolously I didn't put on any weight, so it's official: FINALLY MY DIET ENDS! I have a maintenance diet to follow for a long time, but let's skip this point.
I'm also happy because of the incoming season, autumn is my favourite! I'm looking forward to admire the red leaves and to wear warmer clothes. I have to admit I'm not up to date with the season trends, but I will make up in a short time: I have a lot of japanese and western magazines waiting to be readed and posted.
And like last year, with the new achademic year, come the good resolutions: as this summer (and in general) I did too much shopping and my wardrobe is exploding, I forbid myself going shopping with only these exceptions:
- books and comics
- annual festivals (celtic festivals, artisan fairs...)
- presents for other people
- must occasions (for example if I find the shoes I was craving for for years at only 10 euro or similar). Dangerous point, I mustn't use it as an excuse...
And if I absolutely want someting I have to make it. A spur for creativity. That's it.
I hope you had a good summer!

domenica 21 agosto 2011

Irlanda: shopping/Ireland: shopping


Per non smentirmi ho provato a comprare una rivista di moda irlandese, ma era troppo "da adulti" per i miei gusti, anche se ho apprezzato avere qualche anticipazione delle tendenze autunnali (scriverò anche di quello).

To live up my reputation I bought a fashion magazine, but the target was for older people than me, I think. Anyway I appreciated the autumn trends preview.


Ho comprato queste magliette a Dublino, in un posto che si chiamava Noname, che stava svendendo per chiusura. Ho pagato la prima 3€ e la seconda 5€.

I bought these t-shirts in Dublin in a place called Noname, that was closing down. I paid 3€ for the first and 5 for the second.


Ho scoperto il negozio Penney's, che vende il marchio Primark, che costa pochissimo e in Italia non esiste T_T E io sognavo di farci shopping dalla prima volta che l'ho scoperto su Zerudas Wonderland. E'stata la scusa per fare uno shopping sfrenato. In qualsiasi città fossimo se lo vedevo entravo.

I discovered the shop Penney's, that sells the brand Primark. We don't have it in Italy and I wanted to shop there since I discovered it on Zerudas Wonderland, so I HAD to buy a lot of stuff. I entered in nearly every Penney's I saw.
Mutande/Panties: Primark (50 cent on sale)


Mutande/Panties: Primark (2)
Calzamaglie/Tights: Primark (2)
Coroncina/Wreath: Primark (50 cent on sale)


Ciondoli da borsa/Bag charms: Primark (50 cent on sale). Quello marinaresco si è già rotto, sigh/Primark (50 cent on sale). The nautical one already broke, sigh

Mutande/Panties: Primark (50 cent on sale)

Collana a giostra dei cavallini/Carousel necklace: Primark (1€ on sale)

Borsa/Bag: Primark (6) finalmente possiedo qualcosa di tappezzeria!/Primark (6) Finally I have something tapestry!

Maglietta/T-shirt: Primark (5)

Stivali/Boots: Primark (5)

Anche Dunnes è un marchio che in Italia non esiste e costa molto poco/Dunnes is another brand that doesn't exist in Italy and it's really cheap.

Maglietta/T-shirt: Dunnes (3) era nella sezione pigiami, ma volevo da un sacco qualcosa di Snoopy XD/Dunnes (3) it was in the nightwear section but I wanted a peanuts item for years

E non potevano mancare i souvenir! Ma niente prezzi su quelli che regalo XD/ And I bought souvenirs too! No prices on the presents XD

Collana celtica/Celtic necklace: cattedrale di san Patrizio (6)/St. Patrick cathedral (6)

Maglietta "me lo stanno facendo fare i leprecauni"/"Leprechauns make me do it" tee

Cioccolata alla Guinnes/Guinnes flavoured chocolate

Irlanda: cibo/Ireland: food

Il cibo in Irlanda tende ad avere maionese, patatine e cheddar dappertutto, ma non mi è dispiaciuto come temevo, anzi, mi sono innamorata del cheddar rosso. Quello che abbiamo mangiato di più sono stati forzatamente panini, sia perchè eravamo sempre in giro sia perchè mangiare costava tantissimo.

Food in Ireland has mayo, chips and cheddar everywhere, but I didn't disliked it as I feared. Instead I fell in love with red cheddar. We mostly ate sandwiches as we where always out and as food costed really a lot.


Nei bar spesso offrono il menù sandwitch e zuppa a 5 euro circa, niente male!

In the pubs they often offer a sandwitch and soup combo for 5 euro, not bad!


I due classici da provare assolutamente: la colazione all'inglese e il fish & chips! Per chi non l'avesse mai provato, il fish & chips è come il nostro pesce impanato, ma con una panatura molto più buona e croccante.

Two typical dishes that are a must: the english breackfast and fish & chips!


Quello che dicono sugli irlandesi è tutto vero...

What they say about irish people is true...



Nei supermercati c'era un sacco di roba interessante! A noi è piaciuto un sacco il Tesco, molto economico e con cose affascinanti. C'erano anche dei 24h su 24 che si chiamavano Spar. La cosa più interessante è stata il kit per la colazione con uova, pancetta, ecc. in un'unica confezione a prezzi favorevoli. Le cose che mi sono piaciute si più sono state il cheddar, la pancetta affumicata, il salmone affumicato irlandese, le salse freschissime del Tesco, in particolare la guacamole (quanto mi mancheranno!), la zuppa di pomodoro. Ho anche trovato l'Activia da bere alla fragola!

Supermarkets where full of interesting stuff! We liked in particular the Tesco ones, cheap and with a lot of gorgeous food. There where also 24 hour supermarkets called Spar. The most interesting stuff we saw there was an english breackfast kit that was a box with eggs, bacon, etc. sold together at a good price. The foods I liked the most where cheddar, smocked bacon, smocked irish salmon, the fresh Tesco souces, in particular guacamole (I'll mis them!), tomato soup. I also found the drinkable strawberry version of the Activia yogurt!


No, nooooo! Eresiaaaaaaa!!!

That's NOT real italian food!!!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...