venerdì 30 marzo 2012

Outfit + tigelle + kindle

 La Pelosa Metà mi ha regalato il Kindle per la laurea!!! E' meraviglioso! E fa bene all'ambiente (o almeno spero che la proporzione di carta risparmiata per i libri compensi almeno lo smaltimento dell'apparecchio XD)

The Hairy Half gave me a Kindle for my graduation!!! It 's wonderful! ANd it's good for  the environment (or at least I hope that the proportion of paper saved fees at least for the kindle's disposal XD)



Martedì la Pelosa Metà mi ha portato fuori per festeggiare la mia laurea. Purtroppo il locale che aveva prenotato (approfittando di un'offerta di Groupon) è stato una fregatura a parere di entrambi (segue recensione, quindi i non interessati possono saltare sotto alla prossima foto). Si chiama Dionigio's ed è specializzato in tigelle (o crescentine come dir si voglia) e gnocco fritto all-you-can-eat. Il personale è molto gentile, ma è l'unica cosa buona che si può dire. Non avevano segnato la nostra prenotazione e il servizio era lento e disattento. Come in molti  all-you-can-eat la qualità del cibo non era il massimo, escluso un ottimo formaggio, credo di capra. In principio non ci hanno nemmendo dato il pesto di lardo che è il mio motivo principale per mangiare le tigelle. In più la sera la Pelosa Metà è stato malissimo e secondo lui è stata colpa di un certo affettato. Bisogna dire che lui ha lo stomaco delicato e che io al massimo ho avuto un po'di pesantezza per via della gran mangiata, ma comunque non è un buon segno. Per quanto mi riguarda meglio evitare.

Tuesday evening the Hairy Half took me out for dinner to celebrate my graduation. The place was an all you can eat of some typical italian regional dishes: tigelle and gnocco fritto. But they didn't write down out prenotation, the service was kind, but slow and careless, and, like in many all you can eat restaurants, the food wasn't so good. The Hairy Half even had strong stomach disorders afterwards ç_ç We'll never go there again.


Ecco come mi sono vestita. Alla fine ho usato la felpa come giacca perchè ultimamente fa caldissimo.

Here's how I was dressed. In the end, as lately the weather is getting warmer and warmer, I used the hoodie as a jacket

 Orecchini/Earrings: mercato di Papiniano, Milano/Papiniano open air market, Milan (1€)
Felpa/Hoodie: fiera dell'artigianato di Milano/Milan's artisan fair (10€)
Girocollo/Turtleneck: swappato/swapped 
Vestito/Dress:  H&M (10€ on sale)
Leggings: negozio in Liguria/shop in Liguria (5€)
Stivali/Boots: Camaieu, regalo (mamma)/Camaieu, present (mum)

Nel segno della pecora (Haruki Murakami)/A wild sheep chase (Haruki Murakami)

Questo romanzo segue uno schema comune a molti altri libri di Murakami: protagonista depresso e un po'sfigato, e un mondo magico che va a sovrapporsi a quello reale (in effetti ci sono significativi parallelismi con Coe). L'elemento più interessante di questo romanzo è che il protagonista viene costretto da un'organizzazione misteriosa a cercare per tutto il Giappone...una pecora. Una pecora che nasconde un mistero che si fa via via più inquietante.
A me è piaciuto, ad altre persone che conosco no. Non è molto d'aiuto, ma chi non l'ha apprezzato non ha saputo spiegarmi perchè, e non posso dire perchè mi sia piaciuto perchè spoilererei il finale.

This novels follows a pattern common to many Murakami's books: the protagonist is a depressed and a bit uncool man, and there's a magical world that is superimposed on the real one (in fact there are significant parallels with Coe). The most interesting element of this novel is that the protagonist is forced by a mysterious organization to search all over Japan for...a sheep. A sheep that hides a mystery that gradually becomes more and more disturbing.
I liked it, but other people I know didn't. It is not much help, but the people who didn't appreciate it weren't unable to explain why, and I can't say why I liked it beacause I would spoiler the ending.

Seda di marzo/Seda, March issue

Questo numero di Seda mi è piaciuto un sacco!/I loved this Seda issue!

Colori pastello. Pare che l'abbinamento che va di più sia rosa cipria e menta, che per quanto mi riguarda è un po'troppo caramelloso.

Pastel colours. It seems like the most used colour combo is powder pink and mint, that for me is a bit too sweet.

Evabbè, ormai si è capito che in Giappone questa primavera chi non ha una gonna leggera bianca è uno sfigato.

Ok, by now it's clear that this spring in Japan everyone who doesn't have a white light skirt is totally uncool.

Soft hippie

Sprazzi di colori forti! Dopo tutti quei pastelli ci volevano

Flashes of bold colours! I needed'em after all those pastels

Mori più tradizionale e vari modi di indossare lo stesso capo. Notare i trend del trench e dei pois.

More traditional mori and some different ways to wear the same piece of clothing. Notice the trench and polka dot trends.

Retrò. Adoro il primo vestito!

Retrò. I love the first dress!

Streetstyle

giovedì 29 marzo 2012

Piccole modifiche ad una gonna a ruota/Small add to a circle skirt

 Ricordate questa gonna a ruota che avevo fatto secoli fa? Mai messa. Per prima cosa è un po'sbilenca e poi l'orlo era orribile. Infatti ho scoperto un po'di tempo dopo che una gonna a ruota andrebbe fatta in due pezzi e orlata con l'aiuto di un nastro speciale, lo sbieco (poi io sono pigra e non so quanto mi ci metterei).

Do you emember this skirt that I made some time ago? I never wore it. First because I didn't the waist hole in the perfect middle, and beacaude the hem was horrible. In fact, some time after I discovered that a circle skirt should be made ​​in two pieces and trimmed with the help of a special tape, the bias (but I'm lazy and I don't know if I would have done it anyway).

Comunque ho trovato un'ottima soluzione per la serie se fai un errore coprilo con una decorazione: l'ho orlata con il filo con i pon pon e mi piace tantissimo, anche come abbinamento di colori :D
Ah, comunque le gonne sbilenche andranno di moda, quest'estate XD

However I found an excellent solution for the series if you make a mistake cover it with decoration: I covered the hem with pom pom trim and I love it, even as a color combination :D
And high low skirts will be trendy this summer XD

Ray di marzo/Ray, March issue

Avevo voglia di leggere una rivista di moda giapponese e parevano non esserci in giro quelle che leggo di solito (ma ne sono uscite 2000 immediatamente dopo), così, attratta dalla copertina, ho deciso di provare Ray. Il target e lo stile mi sono parsi molto simili a quelli di Nonno (sui 20 anni e trendy kawaii non troppo orientato ad un preciso stile). In definitiva non ho trovato molto che mi esaltasse e visto che leggo già Nonno penso non la riscaricherò.

I wanted to read a Japanese fashion magazine and I didn't find new issues of the ones I usually read (but immediately after I found 2000 of them), so, attracted by its cover, I decided to try Ray. The target and the style seemed very similar to Nonno's (about 20 years old, trendy kawaii not so oriented to a specific style). I didn't find so much I loked and as I already read Nonno I don't think I'll download it again.

La maggior parte degli outfit prevedevano gonna bianca leggera e maglione un po'largo, traforato oppure peloso (fra tutte le riviste di questo mese i maglioni pelosi li ho visti solo qui).

In most outfit there were a white light skirt and a knit, crochet or fluffy (I found the fluffy ones only in this magazine among all this month's)

Naturalmente colori pastello a manetta.

A lot of pastels, obviously.

Turchese, rosso e stivali indiani/Turquoise, red and indian boots

 Molletta con piuma/Feather hairpin: fatta io/selfmade
Smalto/Nail polish: Odille (1€)
Anello con turchese
/Turquoise ring: mercato di via Eustachi, Milano/Eustachi street open air market, Milan (1€)
Cappotto/Coat: bancarella davanti alla stazione di Greco, Milano/stand in front of Greco station in Milan(10€)
Cardigan: Zara (10€)
Maglietta/Tee: H&M (5€)
Vestito/Dress: mercato di Papiniano/Papiniano open air market (10€ on sale)
Leggings: bancarella davanti alla stazione di Greco, Milano/stand in front of Greco station in Milan(5€)

Stivali/Boots: Emporio Lima (15€)

 Questo look è molto simile a quello del white day, ma visto che mi è piaciuto molto, non vedo perchè no :D


This outfit is similar to the white day's one, but as I liked it a lot I'll publish it anyway :D



mercoledì 28 marzo 2012

I terribili segreti di Maxwell Sim (Coe)/The Terrible Privacy of Maxwell Sim (Coe)

Pare che io mi stia dedicando ai romanzi di Coe. L'ultimo che ho letto è "I terribili segreti di Maxwell Sim". Il protagonista, Maxwell Sim, è un depresso. Ok, tutti i protagonisti di Coe sono depressi e un po'sfigati, ma questo è un depresso clinico di 48 anni lasciato dalla moglie e con problemi con il padre e la figlia.
Tale depresso trova un lavoro come rappresentante di spazzolini da denti ecologici e questo è l'inizio di un viaggio epico, sia spazialmente nell'Inghilterra, sia temporalmente nei ricordi e nei traumi dei personaggi.
La storia oscilla fra la narrazione del protagonista e un narratore esterno e i traumi di Maxwell emergono tramite scritti di altri personaggi (riportati nel libro) che il protagonista legge.
Il libro è brillante e, nonostante la depressione, l'ho trovato a tratti anche divertente.
L'unica parte che non mi ha convinto è il paragrafetto finale (che però, volendo, è saltabile in quanto non così rilevante per la trama) perchè è apertamente spocchioso pur non essendo particolarmente originale e perchè demolisce quello che era stato conquistato durante il romanzo.

It seems as if I'm dedicating to Coe's novels. The last one I read is "The Terrible Privacy of Maxwell Sim". The protagonist, Maxwell Sim, is a depressed person. Ok, all Coe's characters are depressed and a bit uncool, but this one is a clinically depressed 48 years old man left by his wife who has problems with his father and daughter.
This depressed man finds a job as a representative of ecological toothbrushes and this is the beginning of an epic journey, both spatially in England, and in the memories and traumas of the characters.
The story oscillates between the narration of the protagonist and an
external narrator and Maxwell's trauma emerge through the writings (reported in the book) of other characters that the protagonist reads.
The book is brilliant, and despite the depression, I found it amusing at times.
The only part that didn't convince me is the little paragraph in the end (that luckily isn't so necessary as it's not so relevant to the plot) because it is overtly 
presumptuous though not particularly original, and because it demolishes what had been won during the novel.

Gonna bianca-->Vestito bianco/White skirt-->White dress

Scommetto che non ne potete più dei miei post su come trasformare una gonna lunga in vestito. D'altronde è facilissimo: aggiungere le spalline (dritte, incrociate, con fiocchi, con bottoni...) e via. Poi si può intervenire ulteriormente, per esempio questa gonna aveva un piccolo spacco in alto per aggiustare la taglia e io ci ho messo i miei nuovi stupendi bottoni a forma di orsacchiotto.
Però non vi ho mai detto quando mi prende in giro la Pelosa Metà quando da una gonna lunga ricavo un vestito...lungo. Sono bassa, lo so XD
In definitiva con 5 euro e poca fatica ho ottenuto il vestito bianco che volevo da un sacco, e ovviamente non ho resistito a mettermelo subito e a polyvorarlo.

I bet you are already bored bu my posts on how to transform a long skirt in a dress. Anyway, it is easy: add straps (straight, cross, with bows, with buttons...) and go. Then you can alter it further, for example, this skirt had a small gap at the top to adjust the size and I've added to it my new beautiful teddy bear shaped buttons.
But I never told that the Hairy Half
make fun of me when I turn a long skirt into a... long dress. I'm short, I know XD
Ultimately with 5 euros and little effort I got the white dress that I wanted from a lot of ime, and obviously I couldn't resist and immediately wore and polyvored it.

Amo il mio vestito bianco perchè si presta a infiniti abbinamenti *_* Io ho iniziato a pensarlo con le cose che ho, in chiave western, romantica, vintage od etnica. Per la prima volta in cui l'ho messo ho optato per lo sweet western, in modo da poterci abbinare la mia camicia di jeans nuova *_*

I love my white dress because it can be worn in endless combinations *_* I started with clothes and accessories I already have, in western, romantic, vintage and ethnic style. For the first time I put it I opted for the sweet westerns, so I could match my new denim shirt *_*

Fiore/Flower: H&M (1€ on sale)
Anello con turchese/Turquoise ring: mercato di via Eustachi, Milano/Eustachi street open air market, Milan (1€)
Braccialetto di legno e argento/Wooden and silver bracelet: regalo (nonna)/present (granny)
Altri braccialetti/Other bracelets: fiera dell'artigianato di Milano (1€ ciascuno)/artisan fair in Milan (1€ each)
Smalto/Nail polish: Odille, mercato di via Eustachi, Milano/Odille, Eustachi street open air market, Milan (1€)
Camicia di jeans/Jeans shirt: usata, fiera di Sinigallia, Milano/used, Sinigallia open air market, Milan (5€)
Maglietta/Tee: H&M (2x10€)
Vestito/Dress: usato, fiera di Sinigallia, Milano, poi
modificato da me/used, Sinigallia open air market, Milan, and altered by me (5€)
Leggings: bancarella davanti alla stazione di Greco, Milano/stand in front of Greco station in Milan(5€)
Stivali/Boots: Emporio Lima (15€ on sale)
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...